Non poteva certo mancare un “Uomo da marciapiede” sulla legalizzazione della prostituzione. In netta maggioranza i passanti interpellati si dichiarano favorevoli, sul modello di quanto già accade in altri Paesi europei. Sottrarre il mercato alla criminalità organizzata e sottoporlo agli obblighi fiscali dovrebbero essere gli obiettivi prioritari del legislatore, secondo l’opinione prevalente. Con la legalizzazione – aggiungono altri – ci sarebbero più controlli sanitari sulle prostitute e meno problemi di sicurezza e decoro urbano. Tra i favorevoli, molte donne e anche cattolici praticanti. I contrari sono scettici sui possibili benefici sociali ma prima di tutto mettono in evidenza l’aspetto morale, ritenendo che lo Stato non possa legittimare un’attività tanto riprovevole e umiliante, e debba al contrario potenziare la repressione di polizia  di Piero Ricca. Riprese e montaggio di Luca Fuscaldi