All’appello ora ne mancano solo tre. La squadra di assessori della giunta di Federico Pizzarotti, sindaco di Parma, si sta avvicinando alla formazione definitiva. Le due ultime nomine sono arrivate nel tardo pomeriggio di ieri, proprio alla vigilia del primo consiglio comunale che si svolgerà oggi. E hanno salvato in corner il primo cittadino del Movimento 5 stelle dalla pioggia di critiche che da giorni hanno come oggetto proprio la sua lentezza nella scelta dei delegati rispetto ai colleghi di altre città.

Ecco quindi che per non togliere tempo alla prima seduta del consiglio (dove comunque per legge Pizzarotti avrebbe dovuto presentare metà della sua giunta), il sindaco gioca d’anticipo e aggiunge altri due componenti: il vicesindaco Nicoletta Paci, che avrà la delega alla Scuola, servizi educativi e rapporti con l’università, e l’assessore allo Sport Giovanni Marani. Per il metodo, Pizzarotti si affida di nuovo alla Rete, come già aveva fatto per la prima nomina dell’assessore al Bilancio Gino Capelli, e pubblica un secondo video sul canale YouTube del Comune di Parma. “La squadra degli assessori piano piano si sta ingrandendo – dice Pizzarotti dietro la telecamera, sullo sfondo del suo ufficio in Municipio – queste due ultime persone da anni seguono il tessuto sociale di Parma”.

Militanza nella pallavolo con ruoli dirigenziali in importanti realtà del territorio e profonda conoscenza delle organizzazioni sportive caratterizzano il curriculum dell’assessore Marani, che secondo il sindaco “è la persona giusta per valorizzare gli eventi di Parma e seguire la strada già tracciata dai precedenti assessorati”. Il vicesindaco Paci, già eletta nel consiglio comunale e molto attiva nella campagna elettorale del Movimento, vanta invece una formazione umanistica e un ruolo di presidenza nel consiglio di istituto del liceo scientifico Marconi. “Da sempre si interessa di scuola – spiega il sindaco – e porterà avanti anche per il Comune in collaborazione con le associazioni scolastiche tutte le iniziative che serviranno a migliorare il rapporto tra istituzioni e scuola, e a migliorare i servizi della scuola stessa”.

Marani e la Paci si aggiungono alla lista già formata da Capelli e dalle nomine di sabato scorso, quando in una conferenza stampa Pizzarotti aveva presentato l’assessore alle Attività produttive e turismo Cristiano Casa e quello all’Ambiente e mobilità Gabriele Folli, che sta già lavorando sulle carte per trovare una via d’uscita all’inceneritore. “Ne mancano ancora tre, che verranno presentati nei prossimi giorni – conclude Pizzarotti nel suo video – Poi potremo finire di parlare dei nostri assessori e parlare invece delle azioni che porteremo avanti”.

Intanto, sotto gli uffici comunali, la piazza è in fermento per il primo consigli. Pare che in molti (e non solo i giornalisti) non vogliano perdersi il primo appuntamento con la nuova amministrazione al completo, tanto che all’inizio il Movimento 5 stelle aveva pensato di svolgere la seduta all’Auditorium Paganini, per permettere ai cittadini di assistere numerosi. Ma poi la scelta è caduta sulla tradizionale Sala del consiglio, con il vincolo però, per la stampa, degli accrediti come per i concerti, viste le numerose richieste. Di fronte al Municipio già da questa mattina hanno fatto ritorno le tivù nazionali e domani sarà allestito un maxischermo sotto i Portici del grano per ovviare alla capienza limitata della sala. Per la prima volta poi la riunione sarà trasmessa in diretta streaming sul sito del Comune, oltre che dalle emittenti televisive locali, in modo da permettere, come da programma elettorale a Cinque stelle, la massima trasparenza e pubblicità dell’evento.

Lo spettacolo deve ancora cominciare, ma l’arena è già pronta, con tanto di squadre. Da una parte ci saranno i venti consiglieri del Movimento con il sindaco Pizzarotti, il vicesindaco Paci, il capogruppo Marco Bosi. Dall’altra l’opposizione del Pd, che dopo la rinuncia di Vincenzo Bernazzoli al ruolo di consigliere ha eletto Nicola Dall’Olio come capogruppo, affiancato da Massimo Iotti, Giuseppe Bizzi, Maurizio Vescovi, Pierpaolo Scarpino e Alessandro Volta. Nelle file della minoranza siederanno inoltre Maria Teresa Guarnieri (Altra politica), Ettore Manno (Pdci), Elvio Ubaldi (Civiltà parmigiana), il segretario Udc Giuseppe Pellacini (che nonostante la coalizione con Ubaldi alle amministrative formerà un gruppo autonomo), Paolo Buzzi (Pdl) e Roberto Ghiretti (Parma Unita). All’ordine del giorno della seduta, il giuramento Pizzarotti di fronte all’assemblea consiliare, la presentazione del suo programma e l’elezione del presidente del consiglio comunale, che secondo indiscrezioni dovrebbe essere Marco Vagnozzi del Movimento 5 stelle.