Giovani italiani, voi che siete stanchi di essere chiamati bamboccioni e sfigati, oggi è senza dubbio il giorno giusto per indignarsi e protestare. Contro cosa? Contro il nuovo e imbarazzante docu-reality di Italia 1: Mammoni – Chi vuole sposare mio figlio?”. Il programma, a firma di Simona Ercolani (già autrice dell’indimenticabile La Pupa e Il Secchione), va in onda ogni martedì in prima serata ed è ispirato al format internazionale targato Eyeworks. Non è previsto nessun conduttore, se non per la puntata finale della scelta, che sarà condotta da Rossella Brescia.

Cinque ragazzotti più o meno bellocci (evidentemente incapaci ad oltre trent’anni di trovarsi una ragazza da soli) si mettono nelle mani di mammà per scegliere la futura compagna, ovviamente tra una schiera di ragazzotte altrettanto bellocce. Tra di loro, c’è anche il gay alla ricerca dell’anima gemella. Un ballerino, ovviamente, perché l’Italia ci prova ad essere più tollerante, ma certi stereotipi danno sempre sicurezza. Un’omosessualità che viene strumentalizzata per celebrare il programma come un’idea d’avanguardia che porta un gay in TV a cercar marito e che dipinge un inquietante quadro della famiglia italiana (vedi l’articolo dell’ultimo numero di A “Razza Mammona”).

I mammoni sono realizzati professionalmente (dicono), ma sono spaventati a morte al solo pensiero di lasciare la gonnella materna per mettersi ai fornelli, pulire, stirare… L’unica soluzione per spiccare il volo è quindi quella di trovarsi una brava fidanzata/colf che faccia tutte queste cose e che, requisito imprescindibile, piaccia anche alla mamma. Peccato, però, che le candidate al cuore dei ragazzi assomiglino più a delle cubiste che a Cenerentola.

Nella coppia mamma-figlio, non si sa se siano più inquietanti le mamme ultra-possessive che vogliono dormire nel lettone con le loro creature; o i figli completamenti inebetiti dal complesso di Edipo che non riescono nemmeno a prendere da soli decisioni epocali del tipo: che giacca indossare per il primo appuntamento? Il gel per i capelli sì o no? Sicuramente, i mammoni sembrano più interessati al proprio look (un po’ troppo effeminato per dei veri macho man) e a mostrare i pettorali che alle future fidanzate. Ma questo è storia, Uomini e Donne docet.

Insomma, la domanda che ci affligge adesso è: per quanto tempo Mammoni funesterà il palinsesto estivo? Italia 1 ama propinarci questo tipo di programmi all’arrivo della bella stagione e la speranza è che anche questo nuovo programma TV faccia la fine del mai compianto Tamarreide e cada nell’oblio.