”Per salire sul carro o per generare confusione si moltiplica l’uso farlocco del simbolo M5S“. Beppe Grillo avverte i suoi sull’utilizzo improprio del simbolo del Movimento 5 Stelle che ha registrato nei mesi scorsi. L’iniziativa nasce, spiega il comico genovese, perché “da giorni si cita un fantomatico gruppo Rai 5 Stelle“. Ma ricorda che “non è mai stato autorizzato nessuno in Rai a usare il simbolo 5 Stelle. Chi riporta queste notizie avrebbe almeno il dovere di verificarle”.

Poi il leader del Movimento invita i simpatizzanti a “comunicare allo staff (alla mail ‘Segnala l’uso non autorizzato del logo) eventuali abusi”. Infatti, spiega il comico genovese, “chi oggi può utilizzare il simbolo è presente nella lista del portale”. L’invito nel post “Il gruppo 5 Stelle Rai è una balla” sul suo blog è a “diffidare delle imitazioni e di chi spara balle”. Infine Grillo ricorda le regole per ottenere l’autorizzazione all’utilizzo del simbolo, “che può essere richiesto dalle liste che si presentano nei comuni e nelle Regioni seguendo le regole presenti nel sito del MoVimento 5 Stelle”.

Il Fatto nei giorni scorsi ha pubblicato un’intervista all’inviato del Tg1 Leonardo Metalliin cui il giornalista annunciava di aver deciso di creare un gruppo Rai a 5 Stelle: “Ho chiamato un collaboratore di Gian Roberto Casaleggio, anche se io parlo direttamente con Beppe, eccome. Però dovevamo pensare uno strumento per avvicinare il servizio pubblico ai 5 Stelle. Ecco la bellissima illuminazione: facciamo una squadra di dipendenti e collaboratori di viale Mazzini che vogliono cacciare questi direttori e dirigenti lottizzati che ci costano cifre enormi e ci fanno male”.