Dopo un’apertura in rialzo le Borse europee riducono i guadagni e molte scendo in segno negativo fra cui Milano. Gli 8,5 miliardi di euro di Bot semestrali oggi messi in asta dal Tesoro sono stati venduti interamente a fronte di una domanda pari a 1,6 volte l’ammontare offerto. Il tasso è salito al 2,104% dall’1,7% del mese scorso, raggiungendo i massimi da dicembre. A seguito della vendita dei titoli di stato, lo spread dei Btp decennali italianirispetto al bund tedesco è leggermente salito tornando  attorno ai 441 punti, la stessa soglia toccata il 17 maggio. Nel caso la superasse sarebbe un nuovo “record” dal 19 gennaio scorso quando ha toccato i 451 punti per scendere il giorno successivo a 432.

Milano contrastata, dopo che il Ftse Mib ha perso lo -0,60% chiude la giornata in positivo al +0,38%). Nel Vecchio continente rimane in rosso solo Madrid che perde 2,34 punti percentuali. 

Questa mattina, in mancanza di indicazioni da Wall Street chiusa ieri per il Memorial Day, le borse europee aprono in rialzo sulla scia del buon andamento delle piazze asiatiche, che reagiscono positivamente all’accordo tra Cina e Giappone per il trading diretto delle rispettive valute. Il Dax di Francoforte avanza dell’1,21% a 6.399,95 punti, il Cac 40 di Parigi sale dell’1,17% a 3.078,57 punti, l’Ftse 100 di Londra si issa dello 0,82% a 5.400,43 punti, l’Ftse Mib a Piazza Affari segna +0,91% a 13.176,62 punti, l’Ibex di Madrid cresce dello 0,52% a 6.434,7 punti. 

Nel corso della mattinata le borse europee riducono ulteriormente i guadagni e presentano un andamento contrastato. Poi si muovono in rialzo in attesa di indicazioni dagli Stati Uniti. Nel pomeriggio è stato diffuso l’indice sulla fiducia dei consumatori a maggio, in leggero miglioramento. I futures sugli indici americani sono in rialzo, lo Stoxx Europe 600 Index guadagna lo 0,9 per cento. Debole Madrid, maglia nera del listino. Piazza Affari perde lo 0,8%.