“Nessun cittadino, nessuna persona, nessuna famiglia che ha subito danni o addirittura lutti, nelle zone terremotate dell’Emilia, deve sentirsi abbandonato” perché le istituzioni “non dimenticano” sofferenze e problemi. Così Giorgio Napolitano in una “cordiale conversazione” telefonica col Presidente dell’Emilia Romagna, Vasco Errani.

A Errani, che lo ha aggiornato sullasituazione delle località colpite dal sisma, Napolitano ha sottolineato che “le istituzioni democratiche, lo Stato in tutte le sue espressioni, la comunità nazionale non dimenticano quelle sofferenze e quei problemi, e non mancheranno di far sentire la loro vicinanza e solidarietà anche attraverso gli interventi da adottare in coerenza con gli impegni già formalmente assunti”.