“Cosa aspetta il Pd a togliere la fiducia al governo dei tecnici e proporne uno politico con le elezioni anticipate?”. Antonio Di Pietro commenta con orgoglio i risultati delle amministrative e in particolare la schiacciante vittoria di Leoluca Orlando a Palermo. Ma non rinuncia a una stoccata polemica nei confronti del Partito Democratico, che non sciogliendo il dubbio sulle alleanze e su Vasto, “rischia di fare la fine dell’asino di Buridano, che è morto di fame perché non sapeva scegliere quale fosse l’erba più buona”. Sull’affermazione del Movimento 5 Stelle: “Non so quale sia il progetto politico di Grillo”, spiega Di Pietro, “se voglia formulare una proposta politica oppure rimanere un movimento di protesta. Se sono disponibili a costruire un’alternativa, siamo pronti ad ascoltarli”  di Tommaso Rodano