“Elementi di sospetto coincidenti, ma è presto per fare qualunque ipotesi”. Così il procuratore di Brindisi Marco Dinapoli che sottolinea però come il crimine organizzato locale, la Sacra corona unita, non si sia mai reso protagonista di attentati del genere: “Sarebbe la prima volta in assoluto”. Ma tutte le piste sono ancora aperte: il fatto che la bomba fosse stata confezionata con due bombole di gas avvalora l’ipotesi dell’attentato non professionale. “Non è tritolo – continua il magistrato – Ed è proprio questo che ci induce a tenere aperta ogni possibilità”  di Marco Lillo