Anche la legge è un business nella terra di (ness)uno, e l’impero economico di Iron Thatcher sembra non conoscere rivali.

Ma lungo i binari, un tempo percorsi da puntuali locomotive, riecheggiano gli speroni di un misterioso pistolero solitario…

Il jolly nel mazzo degli Iron Thatcher di tutto il mondo non è il denaro, no. E’ la paura. Ben più radicata, decisamente più democratica, la vera garante di uno stato sociale.

Nel Belpaese, mai come in questa particolare congiuntura storica dominata dalla paura, la parola ‘privato’ ha assunto il significato di ‘privo di qualche cosa’.

Spread imbizzarrito, e pericolo Grecia in agguato dietro gli altopiani della borsa come una tribù di Apache, e nella nuova frontiera delle speculazioni, cowboy dell’alta finanza – e sindaci/sceriffi – fanno il bello e il cattivo tempo, incentivando i disservizi delle proprie aziende e pulendosi il grugno con i referendum per l’acqua pubblica.

Del resto, laddove la vita stessa offre stuzzicanti investimenti, non c’è ‘Concorrenza’ che possa resistervi…