Ne è convinto il leader della lega Umberto Bossi che da Cantù torna a parlare delle inchieste che stanno scuotendo il suo partito: “Adesso escono altri nomi, ma io ci credo poco: se i magistrati di Milano non nominano chi ha fatto partire la denuncia, penso che stiano coprendo qualcuno”  di Alessandro Madron