Questa mattina, nella sede della provincia di Varese, Roberto Maroni ha incontrato Giuseppe Orsi, ad di Finmeccanica indagato da martedì scorso con l’accusa di corruzione internazionale e riciclaggio. All’incontro avrebbe preso parte anche il presidente della provincia di Varese Dario Galli, leghista e consigliere d’amministrazione di Finmeccanica. “Ci ha solo prestato l’ufficio”, si affretta a chiarire lo stesso Maroni, che esclude qualunque conflitto d’interesse e rilancia l’estraneità della Lega Nord dalle accuse di tangenti, ricevute, secondo l’ex addetto alle relazioni esterne di Finmeccanica Lorenzo Borgoni, da Giuseppe Orsi. “L’incontro di questa mattina”, ha spiegato Maroni, “è servito al nostro avvocato per alcuni chiarimenti”. Dalla sede del Carroccio in via Bellerio è infatti arrivata la conferma della querela nei confronti di Borgogni: “Ci accusano di aver preso 10 milioni? Bene”, conclude Maroni, “li pretenderemo come risarcimento”. di Franz Baraggino