Francesco Belsito, ex tesoriere della Lega indagato per appropriazione indebita e truffa aggravata ai danni dello Stato, ha cominciato la sua “carriera” politica da autista e portaborse dell’ex vicepresidente della Camera, Alfredo Biondi (ex deputato Pdl). “Io non lo pagavo – dichiara ai microfoni de ilfattoquotidianoit Biondi – non avevo bisogno di altri autisti, da vicepresidente della Camera avevo già il mio personale, così da buon genovese (di adozione ndr) gli dissi: ‘Se lo fai, lo fai da volontario'”. E aggiunge: “Disse di essere un liberale, era un tipo servizievole, non uno con il fisico e la grinta del comandante” e infine “ricordo, inoltre, che voleva riferirmi per forza ciò che accadeva nel Pdl di Genova, alcune maldicenze dall’interno, cose che io non ci tenevo a sapere” di Manolo Lanaro (ascolta l’intervista integrale)