Solo la cultura permette di gettare un ponte tra mondi distanti.

A Genova il regista Marco Di Gerlando ha iniziato le riprese del cortometraggio “SEO” su un soggetto di Sergio Cizmic.

Sergio Cizmic è l’unico mediatore culturale rom presente in Liguria. Si è formato presso il corso di formazione che abbiamo tenuto a Genova tre anni fa con la collaborazione della Comunità di Sant’Egidio e della Regione Liguria. Sergio oltre al lavoro di mediatore, svolge anche quello di istruttore di nuoto presso una delle principali società sportive di Genova.

Incontro Sergio e Marco in una pausa del loro lavoro.

Sergio, di cosa parla il cortometraggio?

– E’ la mia storia. La storia di un bambino rom il cui unico sogno era quello di nuotare. Da piccolo volevo andare in piscina, ma il cassiere non mi faceva mai entrare. Andavo con il mio soldo per fare il biglietto e lui mi diceva sempre che la piscina era occupata. Sentiva il mio accento, mi riconosceva rom e mi mandava via. Un giorno, poi, grazie a un istruttore di nuoto riuscii ad entrare e la mia vita cambiò.

In piscina, ora che sei istruttore, sanno che sei rom?

– Si, insegno nuoto ai bambini e alcuni genitori lo sanno. Mai avuto problemi con loro e, anzi, spesso mi chiedono di raccontargli del mio popolo. Anche con il personale della piscina non ho problemi. Lavoriamo insieme senza pregiudizi.

– Qual è l’obbiettivo del cortometraggio?

– Far conoscere ciò che la piazza non sa. Quanti rom onesti subiscono discriminazioni per essere assimilati a uno stereotipo. Quanti sogni di bambini si infrangono sui pregiudizi. Io non nego l’esistenza di rom che rubano, dico solo che esistono anche rom onesti. Purtroppo noi rom non scendiamo mai in piazza per difendere il diritto ad essere rispettati. Per fortuna ci sta pensando la Comunità Europea a bacchettare l’Italia per le discriminazioni nei confronti delle minoranze rom e sinte. E’ notizia di questi giorni la pubblicazione delle Osservazioni Conclusive sull’Italia del Comitato per l’Eliminazione della Discriminazione Razziale, in cui si dice che permangono serie preoccupazioni per quanto accade nel nostro Paese a proposito delle discriminazioni istituzionali subite da rom e sinti. Purtroppo queste notizie non vanno mai sui giornali. Come sui giornali non è mai andata la notizia che anche noi rom di Genova siamo andati a spalare il fango per ripulire la città dopo l’alluvione. Speriamo che Marco Doria, se diverrà nuovo sindaco, si ricordi anche di noi rom e sinti.

Mi rivolgo a Marco Di Gerlando.

Eri mai entrato in un campo nomadi?

– Mai. Avevo letto la sceneggiatura di Sergio e mi aveva emozionato subito. Quando sono entrato per la prima volta nel campo, non mi aspettavo di vedere nulla di simile. Ho provato un’emozione fortissima. In quella situazione soffocante, ho trovato però uno straordinario spirito di gruppo tra i rom. Non è facile conservarlo in situazioni estreme come quelle di un campo nomadi.

E’ stata un’esperienza indimenticabile. Non avevo mai conosciuto rom prima di allora. Avevo come tutti dei pregiudizi, ma è bastato entrare lì dentro per capire tante cose. Il pregiudizio frena il nostro arricchimento culturale e limita il pensiero.

Il nostro cortometraggio, ad ogni modo, non fa la morale a nessuno, vuole solo raccontare una storia che vale la pena di essere raccontata.

Questo è il trailer: