Una carenza di personale che si aggira intorno alle 150 unità tra operatori sanitari e infermieri, un reparto nuovo, ma ancora in gran parte chiuso, 36 posti letto in meno del previsto. E’ la radiografia dell’ospedale di Tivoli, ieri mattina oggetto di una ispezione da parte della commissione parlamentare sugli errori sanitari.Fa discutere la storia dell’unità di Emodinamica, centro di fondamentale e vitale importanza per i pazienti, costato 3 milioni di euro. La commissione ha fatto visita anche all’ospedale di Subiaco a rischio chiusura per il piano di rientro (il decreto 80) voluto dalla governatrice Renata Polverini, commissaria alla sanità, che lo vorrebbe trasformare in un presidio da 8 posti letto.
Video di Nello Trocchia