Il Ministro dell’Interno Anna Maria Cancellieri sui disordini in Val di Susa ribadisce di “essere disponibili al dialogo”, ma sottolinea anche che i lavori andranno avanti: “Pronti alla fermezza”. Sulla stessa linea l’ex titolare del Viminale, Roberto Maroni: “L’opera bisogna farla e non c’è ragione per  desistere. Bisogna colpire chi predica la violenza”  di Manolo Lanaro