La Svizzera potrebbe concludere un accordo fiscale con l’Italia, sul modello di quanto negoziato con Germania e Gran Bretagna. La notizia arriva direttamente da Berna dove il governo svizzero ha risposto a un’interpellanza parlamentare del deputato ticinese Lorenzo Quadri.

In dicembre il governo italiano aveva detto che non era per nulla intenzionato a stipulare accordi del genere, che secondo Roma non sarebbero in linea con gli standard dell’Ocse, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico.

Il governo svizzero di recente ha però ricevuto segnali secondo cui il governo Monti starebbe valutando la possibilità di avviare trattative. Prendendo posizione su altri interventi parlamentari, il governo elvetico ha peraltro ammesso che gli accordi fiscali con Germania e Gran Bretagna potrebbero provocare una fuga di capitali verso le piazze finanziarie offshore all’estero. Ha anche confermato che all’inizio dell’anno la Svizzera ha ricevuto una serie di richieste di assistenza amministrativa da parte dell’India: evasori fiscali indiani avrebbero depositato fondi non dichiarati presso la Banca HSBC di Ginevra.