Sono dieci le persone arrestate questa mattina a conclusione delle indagini sui delitti commessi tra la primavera del 2008 e l’inizio del 2009 in provincia di Caserta dall’ala stragista dei Casalesi,  del gruppo Setola. I carabinieri, del Nucleo Investigativo di Caserta e della Stazione di Parete, su richiesta della Dda di Napoli, stanno dando esecuzione alle ordinanze di custodia cautelare firmate dal giudice delle indagini preliminari presso il tribunale di Napoli.

Gli indagati, tra cui lo stesso Setola, in carcere da tre anni, sono accusati dell’estorsione di una grossa somma di denaro nei confronti dei fratelli Passarelli, commercianti a loro volta già coinvolti in un’indagine per riciclaggio di capitali della camorra casalese in attività imprenditoriali. L’estorsione ai danni dei Passarelli sarebbe stata commessa in un periodo tra giugno e settembre 2008. Il clan Setola, per costringere gli imprenditori a pagare, il 15 settembre del 2008 ha esploso numerosi colpi di pistola e kalashnikov contro le saracinesche del supermercati Md discount di Villa Literno, una delle zone controllate da Setola, di proprietà delle vittime.