Dopo la buona giornata di ieri, anche oggi Piazza Affari dopo un’intera seduta in territorio positivo, chiude poco sotto i massimi di giornata. Il Ftse Mib ha fatto segnare un rialzo dell’1,24% a 15.645 punti, l’All Share un +1,23% a 16.435 e lo Star un +0,41% a 9.545. A sostenere gli indici, oltre all’andamento positivo delle borse americane, alla prima seduta dell’anno, i dati sull’occupazione in Germania, più alti delle stime. Positivo il settore bancario: corre il Monte dei Paschi, che guadagna il 3,95% sulle indiscrezioni su un piano della banca per rafforzare il capitale senza ricorrere ad un nuovo aumento; bene anche Banco Popolare (+2,08%), Bper (+2,26%) e Ubi (+2,55%). Cauta Intesa Sanpaolo (+0,3%), in deciso calo (-2,47%) Unicredit, penalizzata dai timori di un aumento di capitale a forte sconto. Bene risparmio gestito e assicurativi e gli industriali: sostenute dai dati Usa, che mostrano segnali positivi per l’economia statunitense, chiudono in forte progresso le Fiat (+3,67% l’auto, +3,53% Industrial); a ruota la controllante Exor (+1,82%) e Pirelli (+1,94%). Denaro anche sul lusso, con Tod’s che sale del 5,05%, trascinando con se il comparto. Positivi gli alimentari, mentre, fra i pochi titoli negativi del paniere principale, spicca Diasorin (-0,9%).

Anche le principali borse europee archiviano la seduta in buon rialzo. Londra, chiusa ieri per festività, segna +2,29% a 5.699 punti, Francoforte +1,50% dopo i dati positivi sul mondo del lavoro. In Germania il tasso disoccupazione a dicembre scende al 6,8% e la disoccupazione media 2011 è ai minimi dal 1991. Parigi +0,72% a 3.245 e Amsterdam +0,39% a 318,04. Bene anche Madrid che guadagna lo 0,15% mentre Atene perde il 2,52%.

Lo Spread tra i Btp decennali e i Bund tedeschi è tornato intorno a quota 500 punti. Il differenziale tra i titoli di stato italiani e quelli tedeschi, partito a quota 503 e sceso in mattinata fino a 493 punti, viaggia adesso sui 502 punti base.

La cronaca ora per ora:

18.00 –  La Bce ha nominato il belga Peter Praet nuovo capo economista dell’istituto, affidandogli la delega all’economia nell’esecutivo dell’Eurotower. Praet, 62 annui e’ entrato nel board, composto di sei membri, l’anno scorso e rimpiazzerà come capo economista il tedesco Juergen Stark, dimessosi da tempo, ma ufficialmente fuori dal board soltanto dal primo gennaio. A partire dal 2012 due le new entry dell’esecutivo il francese, Benoit Coeure, che ha preso il posto dell’italiano Lorenzo Bini Smaghi e il tedesco, Joerg Asmussen, entrato al posto di Stark.

17.35 – Le principali borse europee archiviano la seduta in buon rialzo. Londra, chiusa ieri per festività, segna +2,29% a 5.699 punti, Francoforte +1,50% a 6.166, Parigi +0,72% a 3.245 e Amsterdam +0,39% a 318,04. Chiusura in rialzo anche per Piazza Affari con il Ftse Mib che è cresciuto dell’1,24% a 15.645 punti.

17.25 – Tornano tutte positive le borse europee, in vista della chiusura dei listini. Anche Parigi avanza dello 0,5%, nonostante il timore di un taglio al rating a tripla A della Francia. Aiuta Wall Street, dove il Nasdaq e il Dow Jones crescono di oltre il 2%. Londra guadagna il 2,09%, Francoforte l’1,54%, Milano l’1,28%. Solo Atene perde il 2,52%.

17.00 – Con i dati americani sulla produzione manifatturiera e sulla spesa edilizia in crescita, Wall Street accelera e di riflesso salgono sui massimi di seduta anche le Piazze europee. Solo Madrid resta appesantita (-0,25%) dopo i dati sui tassi di disoccupazione a livelli record in Spagna. Di seguito gli indici dei titoli guida delle principali borse europee. Londra +1,88%, Parigi +0,29%, Francoforte +1,58%, Madrid -0,22%, Milano +1,13%, Amsterdam +0,12%, Stoccolma +1,53%, Zurigo +1,78%.

16.25 – L’apertura positiva di Wall Street sostiene Piazza Affari, che prosegue la giornata in rialzo. Il Ftse Mib guadagna lo 0,71% a 15.563 punti, mentre l’All Share sale dello 0,68% a 16.331 punti. A sostenere gli indici, oltre all’andamento positivo delle borse americane, alla prima seduta dell’anno, i dati sull’occupazione in Germania, più alti delle stime. Bene le banche: rialzi decisi per Bper e Mps (+3,49%), salgono anche Ubi, Banco Popolare e Intesa Sanpaolo. Poco mossa la Bpm, continua in ribasso (-2,16%) Unicredit. Positivi gli assicurativi. Contrastati gli energetici: salgono Saipem (+1,4%), Eni (+1,23%) e Tenaris (+1,27%), mentre si muovono in ribasso i difensivi Snam e Terna (-1,38% dopo il balzo di ieri). Bene l’industria: in spolvero le Fiat e Pirelli (+2,02%), sale Finmeccanica (+1,08%) e balza Stm (+3,91%). Acquisti sul lusso, trascinato da Tod’s (+4,73%). Bene gli alimentari, in calo Diasorin e Lottomatica (-0,68%). Spread ancora in calo, ora a quota 497 punti base.

16.15 – Lieve miglioramento per le borse europee dopo l’avvio in netto rialzo di Wall Street. A New York il Dj Industrial registra un progresso dell’1,90% a 12.449 punti e il Nasdaq del 2,03% a 2.658. In Europa Londra segna +1,69% a 5.666 punti, Francoforte +1,37% a 6.158, Parigi +0,01% a 3.222, Amsterdam +0,01% a 316,85 e Milano +0,80% a 15.578. Spread tra Btp decennali e Bund tedeschi in calo sotto quota 500. Al momento viaggia a 499 putni base.

15.45 – Apertura in territorio positivo per Wall Street. Il Dow Jones sale dello 0,10% a 12.230,43 punti, il Nasdaq avanza del 2,00% a 2.657,21 punti mentre lo S&P 500 mette a segno un progresso dello 0,88% a 1.296,55 punti.

15.20 – Prosegue l’andamento positivo per le borse europee: mentre Parigi resta in territorio negativo -0,58%, per il timore di un taglio del rating a tripla A da parte delle agenzie internazionali, Londra guadagna l’1,22%, Francoforte l’1,02%, Milano l’1,56%. Madrid arretra dell’1,08% e Atene perde il 2,34%.

15.00 – Il Marocco ha chiuso il 2011 con una robusta crescita (+5%) resistendo alle ripercussioni dovute alle crisi in Nord Africa senza le quali, a giudicare dalle statistiche fornite dal locale ministero delle Finanze, il risultato sarebbe stato ancora piu’ positivo. La crescita del Prodotto interno lordo (Pil) dell’intero 2011 e’ stata pari al 5% rispetto all’anno precedente. Una performance ottenuta nonostante la contrazione (meno 2,5 per cento) del settore turistico, che da solo contribuisce per il 10 per cento alla formazione del Pil complessivo, oltre a occupare piu’ di 450 mila lavoratori.

14.40 – Milano prosegue in rialzo (+0,32%). Maglia rosa del listino principale del Ftse Mib per Tod’s che guadagna il 5,28% a 66,75 euro, mentre Stmicroelectronics registra +4% a 4,888 euro. Mps quota a 0,269 euro (+3,14%). Tra le popolari bene Ubi banca a 3,274 (+1,61%) e Banco Popolare a 1,026 (+1,48%), cali frazionali per Bper a 5,525 euro (-0,27%) e Bpm a 0,3144 (-0,10%).In progresso Mediobanca a 4,572 (+0,70%) e Mediolanum a 3,056 (+0,33%), peggior performance del comparto per Unicredit a 6,375 euro (-1,77%). Corre Milano Assicurazioni a 0,2495 euro (+5,36%) e Fonsai a 0,6965 euro (+5,69%).

14.20 – Limano i guadagni le borse europee con Parigi che resta in territorio negativo. Londra guadagna lo 0,96%, Francoforte lo 0,71%, Milano lo 0,32%. Male Madrid -1,35% e Atene -2,15%.

14.10 – Per la Commissione Europea  solo con il rilancio della crescita ci si potrà salvare dalla recessione. “Senza il rilancio della crescita il rischio di recessione” in molti paesi europei “è ancora più forte”. E’ il monito ribadito dalla Commissione Ue, che ha ricordato la sua richiesta a tutti gli stati membri di “sostenere la crescita”, in quanto “non è produttivo ridurre solo il deficit ma occorre anche stimolare la crescita”.

13.50 – Lo Spread tra Btp e Bund si attesta a 504 punti. Il rendimento dei titoli di stato decennali è al 6,94%.

13.40 – Prosegue in rialzo la seduta sulle Borse in Europa in attesa dell’avvio di Wall Street (ieri chiusa per festività) e di un report sulla manifattura Usa: Londra +1,24%, Parigi -0,43%, Francoforte +1,04%, Madrid +1%, Milano +0,72%,  Amsterdam -0,30%, Stoccolma +0,58%, Zurigo +1,52%.

12.35 – Spread di nuovo sopra il tetto dei 500 punti base. Toccata quota 502. Dopo essere partito a 503 punti ed essere sceso nella mattinata fino a 493 punti, lo Spread tra Btp decennali e Bund tedeschi torna a salire e si assesta a quota 502.

12.25 – Spread tra Btp decennali e Bund tedeschi in risalita, torna a quota 500 punti base.

12.00 – A fine mattinata proseguono in positivo le borse europee. L’Ftse 100 di Londra avanza dello 0,93%, il Dax di Francoforte dell’1,15% e l’Ftse Mib di Milano dello 0,54%. Il Cac 40 di Parigi perde invece lo 0,56%. Lo Spread tra Btp decennali e Bund tedeschi viaggia a quota 497 punti base.

11.10 – Continua a crescere il numero di disoccupati in Spagna. A dicembre, per il quinto mese consecutivo, il numero dei disoccupati è aumentato raggiungendo quota 4,42 milioni: 1.897 persone in più rispetto al mese di novembre. Lo rende noto il ministero del Lavoro iberico precisando che rispetto all’anno scorso l’aumento è stato a dicembre del 7,9%

11.00 – Estendono i guadagni i listini delle principali borse europee: il Cac 40 di Parigi resta negativo, ma migliora la performance e perde ora lo 0,26% rispetto alla chiusura di ieri. L’Ftse 100 di Londra avanza invece dell’1,27%, il Dax di Francoforte dell’1,41% e l’Ftse Mib di Milano dello 0,96%.

10.50 – Parigi frena ma Milano e Francoforte accelerano. Maglia rosa per la piazza finanziaria tedesca (+1,29% a 6.153 punti). Piazza Affari guadagna lo 0,88% a 15.590 punti, dopo aver toccato un massimo di 15.623. Riduce i guadagni Londra (+1,17%), amplia i ribassi invece Parigi (-0,39%), in rosso anche Amsterdam (-0,27%). Positive le piazze di Lisbona (+0,26%) e Zurigo (+1,29%), in flessione Madrid (-0,77%).

10.40 – Spread tra i Btp decennali e i Bund tedesch in calo: in un ora scende di dieci punti da quota 503 a 493 punti base.

10.20 – Mantiene il rialzo Piazza Affari (Ftse Mib +0,9%) ancora sotto il segno di Fonsai. La compagnia assicurativa guadagna il 5,46% mentre il mercato si interroga sull’arrivo di nuovi soci. Premafin entra agli scambi, giusto il tempo di fare prezzo (a 0,25 euro) e poi torna in asta di volatilità con un rialzo teorico del 32 per cento. Unipol, che potrebbe avere un ruolo nel salvataggio, guadagna l’1,83 per cento. Bene le banche con Intesa Sanpaolo (+0,38%), Mediobanca (+1,01%) e Mps (+2,95%). Cedente Unicredit (-0,46%). Vendute Fiat (-1,02%), Finmeccanica (-1,28%) e Lottomatica (-2,88%).

10.10 – Hong Kong chiude in positivo la pirma seduta del 2012. La piazza finanziaria di Hong Kong dove l’indice Hang Seng archivia la seduta con un progresso del 2,40% a 18.877,41 punti.

9.50 – Borse europee tutte in positivo: Londra, ieri ancora chiusa per festività, sale più delle altre con un rialzo dell’1,6 per cento. Bene Francoforte e Milano (entrambe con rialzi intorno all’1%) che avevano corso nella vigilia mentre ritraccia Parigi (-0,10%). L’indice di riferimento, lo Stoxx 600 sale dell’1% puntando su materie prime (+2,6%), auto (+1,5%) e banche (+1,13%). Di seguito gli indici dei titoli guida delle principali borse europee: Londra +1,6%, Parigi -0,10%, Francoforte +1,04%, Madrid +0,01%, Milano +0,94%, Amsterdam -0,01%, Stoccolma +0,6%, Zurigo +1,45%.