Una busta contenente un proiettile destinata al direttore di Equitalia a Torino, è stata intercettata nel tardo pomeriggio di oggi da personale delle Poste Italiane del centro di smistamento del capoluogo piemontese. All’interno c’era anche un biglietto, che riportava soltanto la firma “Anarchia“.

E’ questo l’ennesimo gesto intimidatorio che nell’ultimo mese è stato rivolto contro l’ente di riscossione di tributi nazionale: il 10 dicembre un pacco bomba è esploso nella sede centrale di Equitalia di Roma, ferendo il direttore generale Marco Cuccagna; il 15 dicembre una busta contenente materiale esplosivo è stata intercettata negli uffici Equitalia di Roma, sul Lungotevere Flaminio; il 22 è stata la volta delle lettere contenenti polvere bianca, che s’è poi accertato essere zucchero, inviate contemporaneamente al Presidente del consiglio Mario Monti, e alle sedi di Milano di Piazza Affari e di Equitalia; il 29 a Modena è stato dato fuoco alla sede locale dell’ ente di riscossione tributi ed il 31 è stata la volta della sede di Foggia dove un ordigno rudimentale è esploso contro la saracinesca e causato danni agli interni dell’edificio.