Ultimo giro di giostra per i Nomadi e Danilo Sacco. Questa sera al palazzetto dello sport di Mirandola (Modena) si terrà l’ultimo concerto in cui la “dimissionaria” voce solista della storica band di Novellara, offrirà il suo profondo e vibrante timbro vocale per far risuonare le strofe di Dio è morto.

La separazione avvenuta un mese fa con un pubblico annuncio lanciato da Sacco sul suo sito web, non è di certo stato un fulmine a ciel sereno per Beppe Carletti e per tutti i fedelissimi della band. Il distacco era nell’aria da tempo e la formalizzazione online è stata solo il coronamento di una difficile cogestione tra la tradizione dei Nomadi e la voglia di Sacco di una nuova carriera da solista.

Fatto sta che l’attesa per la serata è a mille. Sold out, come spesso capita nelle tappe emiliane dei Nomadi, con decine di fan che arriveranno da ogni parte del Nord Italia. “Mi dispiace davvero tanto che Danilo abbia deciso di lasciare, ma sono altrettanto convinto che la storia dei Nomadi continuerà, è un brutto momento, ma ce ne sono stati di peggiori”, scrive uno delle centinaia dei commentatori sulla home page della band. E il tenore dei commenti per il post del concerto di stasera rimane sempre attorno al dispiacere per la dipartita di Sacco, ma con la sicurezza che Carletti sarà ancora una volta in grado di compiere la mossa giusta per il futuro dei Nomadi.

Uno dietro l’altro si susseguono i “presente” per la serata da Torino come da Milano, dal Veneto come dalla Toscana. Sacco-Nomadi ultimo atto, anche se un po’ di nostalgia traspare dalle voci dei fan che avrebbero voluto la band ancora con la formazione che si ripete dal 1993 anche per il XX Tributo ad Augusto Daolio che si terrà a Novellare i prossimi 24 e 25 febbraio.

Intanto sono già corsi sul web alcuni nomi papabili per la successione a Sacco. Nulla di ufficiale, solo qualche proposta di fan (su un blog, per esempio, viene citato Roberto Tiranti, leader dei Labyrinth e fidanzato con Irene Fornaciari) con una tradizionale ruspante certezza proprio a firma Beppe Carletti: “Nelle prossime settimane faremo i primi provini: in giuria ci saremo tutti, tranne Danilo. Non abbiamo nessun profilo preciso in mente, siamo aperti a tutto, anche se, per questioni anagrafiche e di scena, la scelta ricadrà su un artista dai trent’anni in su. Abbiamo dato vita al passaparola nel nostro ambiente: vedremo chi si presenterà alle audizioni, che si terranno proprio a Reggio, a casa mia”.

d.t.