La lotta all’evasione. Chi è favorevole e chi è contrario? Con buona approssimazione: i lavoratori dipendenti e i pensionati sono favorevoli e il popolo dell’Iva è contrario. Qual è il risultato di una lotta all’evasione ben fatta? I lavoratori dipendenti e i pensionati continuano a pagare le imposte che pagavano prima (con qualche eccezione per quelli – per esempio gli operai in cassa integrazione – che lavorano in nero come imbianchini e arrotondano con 500 euro al mese). Il popolo dell’Iva è costretto a pagare di più. Molto di più.

Se dunque il governo Monti facesse una seria lotta all’evasione, l’accusa di fare cassa ai danni dei poveracci, lasciando ai riccastri i loro privilegi, dovrebbe cadere. A meno di non pensare che i ricchi vadano fucilati per legge, una volta che gli si faccia pagare tutto il dovuto, magari con aliquote più elevate delle attuali (se si elimina l’evasione, l’incremento delle aliquote diventa effettivo, non una grida manzoniana cui corrisponde un aumento dell’evasione), l’art. 53 della Costituzione sarebbe pienamente attuato: anche loro concorrerebbero alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva.

Quindi tutto sta a vedere se Monti la lotta all’evasione intende farla o no. Per saperlo, bisogna leggersi bene l’art. 11 della manovra che, zeppo di richiami ad altre leggi com’è, richiede un po’ di impegno.

Tutta la verità, nient’altro che la verità

Comma 1: quando il Fisco chiede qualche informazione bisogna dirgli la verità; se no, si è puniti con la reclusione fino a 2 anni. E prima? L’art.76delDpr445/2000 puniva le false dichiarazioni rese a pubblico ufficiale; ma, guarda che cosa curiosa, non quelle rese al Fisco. Non siamo ai livelli raccontati dal mio collega Davigo che si sentì dire dal direttore del carcere di Pasadena: “Qui ci sono gli evasori fiscali”. “Ma davvero?” – disse Davigo (da noi nemmeno uno è in prigione). “Eh – disse il direttore – hanno mentito al popolo americano”. Però comunque è un buon segnale.

Comma  2: gli operatori finanziari (banche, intermediari, fondi ecc.) devono (dal 1/1/2012) comunicare periodicamente all’anagrafe tributaria le movimentazioni che hanno interessato i rapporti dei loro clienti, di cui debbono fornire anche i dati identificativi. In pratica all’anagrafe arriveranno gli estratti conto (qui, va detto, si deve ancora vedere come andrà a finire perché, fermo restando l’obbligo di comunicazione, sarà l’Agenzia delle entrate a stabilire la soglia della movimentazione da comunicare; per esempio 5.000 euro no, ma 10.000 sì). Ma si fa anche adesso! Lo dice l’art. 7 del Dpr 605/73. Manco per sogno. Fino ad ora la cosa funzionava così: gli intermediari finanziari comunicavano all’anagrafe l’esistenza dei rapporti. Sicché il Fisco, se per qualche motivo (studi di settore, verifica della Gdf, ecc.), decideva di fare un accertamento (poche volte, il 10% delle dichiarazioni presentate) a Bianco che più bianco non si può, poteva interrogare l’anagrafe e scoprire quanti conti Bianco ecc. aveva. Poi doveva munirsi di una serie di autorizzazioni burocratiche da fargliene passare la voglia e, a questopunto,potevachiederealle banche gli estratti conto. Da lì il lavoro diventava facile: come va che hai una dichiarazione da 20.000 euro e hai movimentato 500.000 euro? Spiegami. Insomma i conti correnti venivano esaminati dopo che il Fisco aveva deciso di fare l’accertamento: servivano come prova dell’evasione.

Per stanare i “giri” sospetti

Con la manovra Monti la situazione è invertita. Le banche comunicano all’anagrafe gli estratti conto, quindi movimentazioni e saldi. Resta solo da paragonarli con le dichiarazioni dei redditi e si sa subito chi pinzare. Poi lo si chiama e gli si chiedono spiegazioni. Non solo; si può anche fare una scala di priorità: Biancoecc.ha una forbice tra il dichiarato e quanto depositato in conto pari a X; Grigio pari a Y; la forbice di X è > di quella di Y; controlliamo Y. Perché non ci siano dubbi sul fatto che proprio in questo modo il Fisco dovrà procedere, l’art. 11 comma 4 della manovra specifica chiaramente che le informazioni fornite dalle banche debbono essere utilizzate dall’Agenzia delle entrate per l’individuazione dei contribuenti a maggior rischio di evasione da sottoporre a controllo. Non male. Si fa sul serio.

I critici: ma il nero non si fa sui conti ufficiali; si fa su quelli intestati alla nonna, alla zia, all’autista, all’amante. Vero. Ma anche questi conti saranno comunicati al Fisco;e la nonna, la zia ecc.,che magari hanno una delle famigerate pensioni da 500 euro, si troveranno a dover spiegare come mai sono titolari di un conto dove girano 200.000 euro. “Eh, me lo ha chiesto mio nipote; poverino, è tanto bravo, mi porta sempre i dolciladomenica”.EBiancoeccè “fatto”.

Tutto questo è una rivoluzione. Fermo restando che sarebbe bene riformare l’intero sistema tributario (ne ho scritto altre volte), con questa semplice (!) procedura si può davvero stanare gli evasori. Il che significa far pagare i riccastrie,quandoavremounpo’ di fieno in cascina, diminuire l’imposizione sui lavoratori dipendenti e i pensionati. Secondo voi, perché quelli di prima una cosa così non l’hanno mai fatta?

da Il Fatto Quotidiano dell’11 dicembre 2011