Skip to content


Sei in: Il Fatto Quotidiano > Emilia Romagna > Riscaldamento g...
I blog de IlFattoQuotidiano.it
Matteo Mingazzini
Traduttore, giornalista, esperto di ambiente

Riscaldamento globale… locale

Il caldo piace. Tuttavia, anche i più meteoropatici, di fronte a un paio di mesi di bel tempo ininterrotto, sono costretti a chiedersi che fine abbiano fatto le nuvole e la pioggia.

In questi contesti, l’iter delle notizie a mezzo stampa è pressappoco sempre lo stesso: si inizia condannando il maltempo, poi quando arriva il sole si festeggia; si continua a festeggiare per alcune settimane (sottolineando l’orgasmo degli operatori turistici balneari), infine qualcuno si accorge che – diamine! – non ci sono più le stagioni. A questo punto, si può scegliere se concentrarsi sulla siccità o sul riscaldamento globale; ma se da un lato la siccità è sotto gli occhi di tutti, il riscaldamento globale risulta più difficile da credere e da argomentare.

Cosa ci dicono? A grandi linee, ci dicono che è colpa dell’anidride carbonica: dopo la minaccia dei clorofluorocarburi e del piombo nella benzina, ora il mondo ha paura dell’anidride carbonica. E dopo avere investigato anche sulle flatulenze dei ruminanti, si corre ai ripari con virtuosismi quali le omologazioni Euro 5 per le autovetture, gli Ecopass e una miriade di consigli su come cambiare la propria vita quotidiana per amore dell’ambiente. Ma i veri colpevoli del riscaldamento globale sono sempre in alto, lontani: sono i grandi del pianeta. E quindi i comuni mortali si possono tutto sommato rilassare.

Una volta assunta la giusta dose di deresponsabilizzazione, è sufficiente fare un giro in bicicletta per accorgersi che tra il centro abitato e la campagna ci sono almeno quattro gradi di differenza. Quella città che su Google Maps appare come una chiazza grigia, per chi ci vive dentro è come un’enorme caldaia.

Un’automobile, una volta spenta, cessa di inquinare. Una nuova lottizzazione, invece, toglie definitivamente respiro al pianeta. Continuiamo a pensare che sia colpa della Cina (per farla breve) e ad accettare che nei piani regolatori delle nostre amministrazioni siano previste espansioni urbanistiche a oltranza: una casa in più, magari passiva, che differenza può fare? E ci sembra inverosimile che il pianeta si surriscaldi per davvero anche un po’ per colpa nostra, nonostante quei quattro gradi a portata di bicicletta.


Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo thread. Ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7 e che il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500. E' necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic. Per alcuni giorni, a causa di ragioni tecniche, tutti commenti andranno in pre moderazione. Inoltre, chi posterà più volte lo stesso commento (anche se con parole diverse) verrà segnalato. Ti avvisiamo che verranno pubblicati solo i commenti provenienti da utenti registrati. La Redazione