Fino al 9 ottobre, a Ravenna, la 9° edizione del festival letterario GialloLuna NeroNotte dedicato al thriller e al noir rende omaggio a tre ricorrenze assai importanti per il genere.

“Fantomas contro Padre Brown”, questo il titolo 2011, ricorda infatti Volodymyr-Giorgio Šerbanenko, padre della generazione dei “giallisti” italiani degli anni Settanta, e a Marcel Allain e Pierre Souvestre. Sono infatti passati 10 anni sia dalla nascita dello scrittore italo-ucraino sia dalla data in cui la coppia di francesci scrisse un romanzo che avrebbe cambiato il panorama del genere poliziesco europeo, “Fantomas”. Ma nel 1911 usciva anche “L’innocenza di padre Brown”, raccolta di dodici racconti di Gilbert Keith Chesterton: era il primo investigatore “per volere di Dio”.

Inoltre, la novità di quest’anno, è la nascita di nuova sezione dedicata ai giovani esordienti, “Il giallo dei debuttanti”, dove sono presentate le opere prime di autori italiani (in questa edizione sono state scelte tre donne: Alessia Gazzola, che ha esordito con il romanzo “L’allieva”, edito da Longanesi, Lorenza Ghinelli, con il suo “Il divoratore”, Newton & Compton, e Ilaria Milandri con “Visione cieca”, Foschi Editore: alla Casa Melandri domani alle 18).

Da tenere d’occhio anche la data del 7 ottobre quando Andrea G. Colombo, col suo romanzo “Il diacono”, incontra l’esordiente Roberto Costantini che porta il suo primo titolo di una trilogia molto nera, “Tu sei il male”. Ma anche l’8 ottobre perché, durante la Notte d’Oro, lo scrittore inglese Simon Toyne presenterà il suo romanzo “Sanctus”. Dal primo al 31 ottobre poi, nella sala a piano terra dell’Autorità Portuale, saranno esposti i lavori di “Da Fantomas a Fantomax”, mostra dedicata ai 100 anni del personaggio creato da Alain e Souvestre, con le copertine dell’edizione italiana dei romanzi, realizzate da Karel Thole, e le tavole della graphic novel realizzata da Luigi Bernardi e Onofrio Catacchio, edita quest’anno.

Alla Manica Lunga della biblioteca Classense invece la mostra realizzata con i lavori degli studenti del Liceo Artistico Pier Luigi Nervi e dell’Istituto d’Arte Gino Severini: “L’anima gialla degli studenti”, allestita insieme alle opere di 6 insegnanti, ha l’obiettivo di avvicinare i ragazzi e le ragazze al thriller e al noir, sia per trasmettere il valore letterario di questi generi, sia perché tali narrazioni possano arricchirsi dei nuovi spunti tratti delle fantasie delle generazioni più recenti. Infine, le richiestissime Cene con delitto saranno il 30 settembre, durante la serata di gala al Teatro Sociale di Piangipane, quando verrà conferito il premio GialloLuna 2011 al grande regista Alberto Sironi (che ha firmato quasi tutte le serie del Commissario Montalbano). Per i curiosi: www.gialloluna.it