Scene da un matrimonio mancato. Succede a Monopoli. Tra crisi internazionali di vasta portata e problemi di letto di Berlusconi, questa è decisamente la notizia del giorno. Riferiscono i quotidiani pugliesi che il primo sabato di settembre uno sposo ha risposto “No” al prete che gli domandava: “Vuoi tu sposare…?”.

La Basilica di Maria Santissima della Madia era colma in ogni ordine di posto, invitati dello sposo e invitati della sposa, famiglie di notabili della città, perché i due ragazzi sono principini locali, rampolli in vista. La domanda viene prima posta alla sposa, che raggiante risponde: “Sì”.  Poi don Vincenzo domanda allo sposo, come centinaia di altre volte in 50 anni di professione ecclesiastica. Non crede alle sue orecchie, ma la risposta dello sposo è decisa, senza alcuna esitazione: “No”. E perché mai? “Quale il motivo di questa drastica decisione?”, replica don Vincenzo nello smarrimento generale. Lo sposo – che poi per non perdere un centesimo ha invitato i suoi cari a festeggiare il ritorno al celibato – ha chiuso il sipario e spento le candele sull’altare con questa frase: “Chiedetelo alla sposa e al suo testimone”.