Al Tg di Uno hanno scoperto Internet. Da qualche giorno si collegano non solo “dal vivo” con la meteorina di turno presente in studio ma anche “in diretta” con la redazione dei giovani del web della stanza accanto. E’ grazie a loro che possiamo finalmente sollazzarci con le “stranezze” della rete. “Tanto originali da entrare nelle (sic) guinness dei primati” annuncia azzimato Francesco Giorgino.

Emma D’Aquino
seleziona le immagini e, mostrando una scarsa dimestichezza con il sistema metrico decimale, ci fa vedere una contorsionista che si sarebbe infilata una scatola di 9 (diconsi nove) centimetri. Sempre “dalle” guinness dei primati arriva una donna che usa una minzolingua da 10 centimetri “al posto del cucchiaio”, poi c’e’ un uomo che ha 453 piercing (“in tutto il corpo”) e per chiudere, il tg più divertente del mondo ci fa vedere “il maggior numero di cani che salta la corda tutti insieme, davvero carini”. Lingue da 10 centimetri e fedeli cagnolini che saltano tutti insieme: saranno messaggi subliminali?

Non sono molto subliminali, invece, i consigli per dare gli scappellotti. Se gli svedesi esagerano in un senso (i bimbi sono sacri) e i cinesi nell’altro (7 ore in piedi come punizione) gli italiani sono nell’aurea mediocritas, il giusto mezzo. Secondo gli intervistati “ogni tanto ci vuole uno scappellotto” e, afferma Ada De Santis, “ai bambini bisogna dare delle regole“. L’esperta intervistata, la neuropsichiatra infantile Francesca Fabbrizi, sdogana la sana sculacciata italica.Non ci sono statistiche sugli scappellotti o sulle sculacciate ma finalmente apprendiamo che “un genitore su quattro ricorre al ceffone con i propri figli”. Si può quindi picchiare liberamente ma bisogna evitare, dice la dottoressa, “la denigrazione del bambino”.

In assenza di divieti di sculacciata arriva però il divieto di offrire il caffè. Gioia Tauro è terra di ‘ndrangheta, spesso ha battuto New York per numero di omicidi per abitante e dal suo porto passa buona parte della cocaina che arriva in Italia dalla Colombia, tuttavia non è per queste futili ragioni che la corazzata dell’informazione Rai invia in Calabria l’inviata Felicita Pistilli. “Nella piana di Gioia Tauro la tazzina  ha un ruolo sociale così radicato da trascinarsi dietro un vero e proprio codice comportamentale”. Il paese è piccolo, tutti si conoscono ma, in attesa della rivoluzione liberale, non tutti si possono permettere di offrire il caffè al bar. Scatta quindi il divieto di offrire il caffè: “In tempo di crisi è meglio fare alla romana, ma non tutti sono d’accordo”. C’e’ chi infatti rivendica il diritto di pagare il caffè agli amici e un vecchietto calabro rebelde si dichiara pronto a sfidare le autorità offrendo il caffè anche all’inviata speciale del Tg di Uno.

Passando alla minzochart, questa settimana viene servita sul trono della Minzoparade la grattachecca della Sora Maria, mentre le patate cotte nella lavastoviglie resistono in classifica da ormai ben 21 settimane.

Minzoparade Anno II N. 33 (10-16 settembre 2011, Tg di Uno ore 20)
1.(1) La grattachecca della Sora Maria New Entry! Guarda il servizio
2.(2) Il triste addio alla cabine telefoniche (-) Guarda il servizio
3.(1) Al cinema di Ovada anche cani e gatti New Entry! Guarda il servizio
4.(2) I consigli per il mal di vacanza: bevete acqua una volta all’ora (-3) Guarda il servizio
5.(3) I consigli per il colpo di calore dei cani: evitate le secchiate (-2) Guarda il servizio
6.(5) I consigli per difendersi dai ladri: entrano dalla porta (-2) Guarda il servizio
7.(4) A spasso con la bara (-2) Guarda il servizio
8.(6) Di corsa sui tacchi a spillo Guarda il servizio (-5) (Tg di Uno ore 13:30)
9.(1) I consigli per l’abbigliamento scolastico New Entry! Guarda il servizio
10.(21) Le patate alla lavastoviglie e la triposata (-4) Guarda il servizio

Minzi Caldi (in ordine cronologico)
– Divieto di offrire al bar Guarda il servizio
– Maratona sulle Alpi Guarda il servizio
– Elisabetta Canalis si vendica con un flirt Guarda il servizio
– I consigli per dare gli scappellotti Guarda il servizio
– Le stranezze di Internet: i cani che saltano la corda Guarda il servizio
– Calzolai in via d’estinzione Guarda il servizio
– Cercasi commessa rigorosamente nostrana Guarda il servizio

La posta della Minzoparade
Giulia.ma
esprime la sua preferenza per il cinema di Ovada dove sono ammessi anche cani e gatti e si chiede: “Si saranno ispirati alla redazione del Tg di Uno che da tempo consente l’accesso a cani e porci?”
Per Gabri.c78 ormai mancano “solo le giornaliste spogliarelliste o le sexy previsioni del tempo come degno epitaffio sulla tomba dell’informazione televisiva pubblica italiana”.

Scuola Media Pilutzer
Sale in cattedra la professoressa Francesca Oliva e alle 13:45 di venerdì impartisce la sua lezione di buon giornalismo. Anche questa settimana non ci sono buoni da segnalare ma solo discoli da minzobacchettare: La Repubblica, Il Quotidiano della Calabria e L’Espresso, colpevoli di opinioni sull’11 settembre che potrebbero istigare squilibrati a commettere stragi come quella accaduta nello scorso luglio in Norvegia.

La minzosviolinata al miglior presidente del Consiglio degli ultimi 150 anni arriva nel post scriptum. Quei comunisti “beffardi” dell’Unità e del Fatto avevano scritto che il fulgido statista sarebbe stato ricevuto dal presidente del parlamento europeo per due minuti. Orologio alla mano, la professoressa della Scuola Media ci racconta che, tralasciando i secondi, i minuti dell’udienza concessa al fugitivus sono stati ben 52.

Buoni
Il Giornale (3)
Il Corriere della Sera (2)
Tg di Uno (1)
Libero (1)
Piero Ostellino (1)
Vittorio Emanuele di Savoia (1)
Filippo Facci (1)
Alfonso Signorini (1)
Giampaolo Pansa (1)

Cattivi
La Repubblica (17)
Il Fatto Quotidiano (11)
L’Unità (10)
Il Corriere della Sera (4)
Massimo Giannini (3)
Il Secolo XIX (3)
La Stampa (3)
La stampa italiana (3)
Il Secolo d’Italia (2)
Il Mattino (2)
Annozero (1)
Oggi (1)
I Giudici (1)
Agenzia Ansa (1)
Marco Travaglio (1)
Leoluca Orlando (1)
Eugenio Scalfari (1)
Roberto Saviano (1)
La stampa francese (1)
Concita De Gregorio (1)
Vito Mancuso (1)
Al Gore (1)
Avvenire (1)
Beppe Grillo (1)
Il Quotidiano della Calabria (1)
L’Espresso (1)

Il Centro Studi Tg di Uno di Vancouver vi invita ora a votare (doppia preferenza) i reportage che più vi hanno inforallegrato utilizzando lo spazio per i commenti. La Minzoparade è anche su Facebook Twitter ed è pubblicata ogni sabato. Il nostro indirizzo è minzoparade@gmail.com. Tutti i servizi pop del Tg più divertente del globo sono anche trasmessi dal Minzoparade Channel su YouTube, l’unico canale molto rieduchescionel.

Quali e quanti servizi pop sta cucinando la redazione società del tg più esilarante del pianeta? Lo scopriremo sabato prossimo.

A cura di Ernesto Salvi