Chiusura negativa per la Borsa di Milano: il Ftse Mib cede lo 0,23% a 15.106 punti e l’All Share lo 0,1% a 15.990. La seduta era partita bene, con indici sostenuti dal comparto bancario; gli indicatori negativi sulla fiducia nell’Eurozona prima e dei consumatori Usa poi hanno appesantito i mercati, con Wall Street in calo nelle prime battute. In ordine sparso le principali borse europee.

Piazza Affari ha pagato anche la nuova impennata dello spread Btp-Bund, tornato a toccare i 300 punti con le banche che, di riflesso, hanno invertito la rotta per chiudere in rosso. Svetta, in controtendenza, il balzo di Fonsai dopo la conferma dei target per il 2011. Chiusura contrastata per energetici e industriali; bene titoli del lusso e i cementi.Sempre sottile il volume degli scambi, di poco superiore a 1,5 miliardi di controvalore.