Fuori dall’orario di sportello l’unico modo per pagare il nuovo ticket sulla sanità, quello che deve versare chi va al Pronto Soccorso, è un bonifico bancario.

Accade nel più importante ospedale romano, il Policlinico Umberto I. A raccontare l’episodio al fattoquotidiano.it è un professionista romano che due giorni fa, intorno alle 16, si è recato al Policlinico. “Dopo la visita – ha raccontato – mi è stato chiesto di effettuare un bonifico bancario e di inviare la ricevuta di pagamento via fax o a mano entro i prossimi 5 giorni. Mi è sembrato incredibile che non fossero attrezzati al pagamento, ma mi hanno spiegato che le casse del ticket fanno orario di sportello, mentre il pronto soccorso rimane aperto tutto il giorno 24 ore su 24 e quindi si è deciso di provvedere chiedendo un bonifico bancario”. Come se chiunque andasse al Pronto soccorso avesse un conto bancario. Basti pensare agli anziani e alle tante altre categorie di persone che in questi giorni di città vuote hanno come unico punto di riferimento sanitario sul territorio proprio i vari Pronto Soccorso. E senza contare poi che in questo modo, cioè a causa di un disservizio della pubblica amministrazione, al cittadino tocca pure pagare 1,50 euro in più – il costo di un bonifico – oltre al tempo perso per andare in banca e per poi riconsegnare la ricevuta

di Emanuele Perugini