E’ dal 1992 che Cervia, la spiaggia ama il libro, è diventato punto di riferimento tra le manifestazione letterarie estive della riviera romagnola, in cui autori e pubblico s’incontrano in spiaggia per confrontarsi e discutere sull’oggetto del desiderio che si chiama libro. Oggi sembra una banalità, visto che ovunque in Italia si rincorrono le presentazioni di saggi e romanzi, ma vent’anni fa un’idea del genere era qualcosa di piuttosto insolito.

Nel luglio del ’92 Vittorio Monti, allora corrispondente del Corriere della Sera, aveva da poco scritto un libro. Ne parla a due amici come Ermanno Zattoni e Terenzio Medri e nel giro di una sera “vede la luce” la manifestazione cervese. Oltre a lui quell’anno si presenteranno sulla spiaggia, in braghette e t-shirt anche Luca Goldoni e Claudio Marabini.

“L’idea”, spiega Medri, “era quella di fare una manifestazione culturale che andasse contro una brutta moda di quegli anni. Tutte le estati, il giorno di Ferragosto, in spiaggia era come una guerra, con bande di giovani che facevano il gavettone selvaggio. Noi ci siamo inventati lo sbarco degli scrittori, un evento che portava sulla spiaggia libri e parole, invece dei gavettoni”.

In diciannove anni la manifestazione è cresciuta, tanto che, oltre alle presentazioni dei libri, da metà luglio al giorno di ferragosto, e allo sbarco degli scrittori, la mattina del 15 Agosto, davanti al Grand Hotel di Cervia sorgeranno ulteriori iniziative come Un libro in ogni stanza (dono degli organizzatori della manifestazione) o gli itinerari letterari nel nome di grandi autori (Grazia Deledda, Giovannino Guareschi, Dante Alighieri).

Ad inaugurare la manifestazione Giuseppe Ayala con il libro Chi ha paura muore ogni giorno – I miei anni con Falcone e Borsellino; sabato 23 luglio sarà invece la volta del giornalista sportivo Marco Franzelli a presentare Zatopek – la locomotiva umana, libro dedicato all’atleta cecoslovacco che negli anni ’50 correva veloce le lunghe distanze dell’atletica leggere e che nel 1954 abbatté il muro dei trenta minuti sui 10000.

Sul fronte saggistico e più propriamente politico, saranno a Cervia Mario Giordano con il best seller Sanguisughe. Le pensioni d’oro che ci prosciugano le tasche e Sergio Rizzo, autore del celebre libello La cricca, in riviera venerdì 29 luglio con Vandali. L’assalto alle bellezze d’Italia. Domenica 31 Luglio sarà invece la volta del poeta Davide Rondoni con Apocalisse amore rimbambimenti.

Lunedì 1 Agosto in viale Ravenna, alle ore 21.30 è invece prevista la presentazione del libro “Milano al mare. Milano Marittima: 100 anni e il racconto di un sogno” (SBC Edizioni), firmato da Letizia Magnani, appuntamento clou di Cervia ama i libri.

Sono cresciuta in una città bellissima, dove c’era tutto e non c’erano ansie. E ora, a distanza di anni e di esperienze, la vedo priva di bellezza e stanca”, racconta la Magnani, “Il tutto per fare posto a nuovi appartamenti o anche solo all’illusione di novità portata da qualche stelletta scaduta del piccolo schermo e finita magari sulla spiaggia di Cervia”.

Per info: http://www.cerviamailibro.it