“Le forze politiche dimostrino responsabilità”. Tutti, maggioranza e opposizione, “devono adottare scelte che rispondano al comune sentire dei cittadini che reclamano una politica lontana da inaccettabili privilegi”. Per questo si devono adottare “significative misure di riduzione delle spese” della politica. Renato Schifani scopre che “In Italia è sempre più evidente uno scollamento tra la classe dirigente e la popolazione, e più si rafforza questo scollamento meno credibilità avranno i partiti”. Così il presidente del Senato si dice d’accordo ad adottare scelte che, “senza cedere a fuorvianti demagogie, rispondano al sentire dei cittadini”. Primo fra tutti il capitolo privilegi dei parlamentari.

“Troppe divisioni, troppi veleni stanno inquinando i pozzi della buona politica”, avverte il presidente del Senato. “Chi ha la responsabilità di governare lo faccia con sempre maggiore determinazione. Bisogna avere il coraggio e la forza di fare le riforme. Soltanto così sarà possibile continuare il percorso virtuoso della modernizzazione”. Tra gli obiettivi che l’esecutivo secondo Schifani deve perseguire, ci sono: “Alleggerire il fisco, combattere con giustizia le evasioni, ma senza provvedimenti che possono apparire ingiusti e mortificanti; dare nuovo ossigeno alle piccole e medie imprese e a tutti i centri produttivi; tutelare e dare nuova occupazione. Servono interventi – conclude Schifani – per fare decollare la crescita economica perché abbiamo prima di tutto il dovere morale di non uccidere le speranze dei giovani”.