Facciamoci una pera. Di musica, però. E’ stato presentato ieri l’Emilia Romagna Festival 2011 diretto dal flautista Massimo Mercelli. Ed è proprio una pera William con al posto del picciolo il manico e le corde di un ipotetico contrabbasso, a fare da succoso richiamo per un cartellone estivo di musica classica e contemporanea dove si sperimenterà davvero l’impossibile.

Intanto l’Erf 2011 sosterà dal 7 luglio al 13 settembre in almeno quattro province della regione (Bologna, Ravenna, Ferrara, Forlì-Cesena e Rimini), con quarantasette concerti distribuiti su una trentina di comuni ospitanti, luoghi storici d’eccezione, spazi suggestivi dove ascoltare una originale selezione dal vivo.

La Rocca Sforzesca di Imola sarà assoluta protagonista della prima tranche di ERF, tanto che sia l’anteprima del 17 di giugno con la Pasion Argentina, eseguita dal Gruppo del Barrio, che l’inaugurazione vera e propria del 7 luglio con l’Orchestra e Coro delle Voci Bianche del Teatro alla Scala si terranno proprio all’interno della fortificazione tardo medioevali alle porte della città.

Non da meno la Rocca sarà scenario e sfondo di Anestesia Totale (12 luglio), lo spettacolo scritto e diretto da Marco Travaglio, con la partecipazione di Isabella Ferrari e l’aggiunta di Valentino Corvino alla viola.

Sempre tra le mura fortificate imolesi si prospetta davvero qualcosa di curioso per questo L’elmo di Scipio con l’orchestra regionale dell’Emilia-Romagna diretta da Alessandro Nidi, intenta a rieseguire in chiave sinfonica arie di Verdi e brani di Francesco De Gregori, Bruno Lauzi, Gino Paoli, Paolo Conte e Nino Rota. Tema centrale: l’unità d’Italia. Quindi, per fare un esempio, dal cofanetto De Gregori verranno riarrangiate Viva l’Italia, Il bandito e il campione, La leva calcistica del ’68.

Altri due appuntamenti imperdibili sono Figaro il barbiere e Mozart alias Rossini che avranno come comune denominatore Elio, ovvero Stefano Belisari leader degli Elio e le storie tese. Il primo concerto si terrà al teatro Petrella di Longiano (14-15 luglio) con Elio voce narrante, Roberto Fabbriciani al flauto, Fabio Battistelli al clarinetto e Massimiliano Damerini al pianoforte. Mozart alias Rossini (31 agosto, Teatro di largo Cappuccini a Cesenatico), invece, vedrà Elio cantante lirico accompagnato da I fiati associati coordinati dallo stesso direttore artistico Massimo Mercelli.

E ancora: venerdì 15 luglio la bizzarra violinista Iva Bittova metterà in scena The roots of soul nell’Arena delle Balle di Paglia a Cotignola, amena località immersa nel verde dei campi romagnoli a cui si accede dopo una ventina di minuti di passeggiata.

Infine il 27 agosto l’appuntamento clou presso l’abbazia di Monteveglio con il flauto di Massimo Marcelli che duetterà con il pianoforte di Luis Bacalov, premio oscar per Il postino su musiche di Astor Piazzolla, Ennio Morricone, Michael Nyman e Philiph Glass.

ERF 2011, nonostante i tempi di crisi ha un budget di oltre 550000 euro, suddivisi con un 20% di finanziamento pubblico (principalmente la regione emilia-romagna) e un 80% di privati. I biglietti si acquistano in anticipo anche online. Per ogni informazione sul web l’ottimo sito www.erfestival.org.