Con tanti saluti dai precari, questa riflessione di Stefano DisegniBunetta