”Non abbiamo fatto una retromarcia sul decentramento, i ministeri prima o dopo arriveranno qui al Nord’’. Così Umberto Bossi durante un comizio elettorale nel Mantovano. Il leader leghista ha spiegato che il rinvio della discussione negli ultimi giorni è stato deciso “per non fare pasticci in campagna elettorale”. Il decentramento dei ministeri lo hanno fatto “l’Inghilterra e la Francia, che è lo Stato più centralista che c’è: noi siamo i più pirla? No, non ci stiamo a pagare e tacere”, ha continuato il senatùr. Bossi è poi tornato sugli insulti di Berlusconi agli elettori di sinistra: “Berlusconi ne dice, è troppo nervoso. Ognuno vota quel che vuole”.