I futuristi prendono la loro decisione per i ballottaggi nelle grandi città: libertà di voto. La presa di posizione è chiara e viene rivendicata dal palco dell’assemblea nazionale di Fli a Roma da Italo Bocchino, vicepresidente di Futuro e libertà. “Milano e Napoli sono questioni politiche nazionali – dichiara – ha perso il Pdl, ma ha perso anche il Pd. Noi esprimiamo la nostra libertà di voto” poi parte con gli attacchi a Silvio Berlusconi “c’è uno che ha perso più di tutti: Berlusconi e il berlusconismo“. Applausi in sala, Angela Napoli urla: “Bravo Italooo”. Ma è gelo da parte di Andrea Ronchi e Adolfo Urso, i due ‘dissidenti’ in crisi da tempo col partito. Pochi minuti prima del voto dell’assemblea nazionale di Fli che ha ratificato la linea di non schierarsi ai ballottaggi di Milano e Napoli, Ronchi e Urso preferiscono lasciare la sala e non votare. Urso dichiarerà alle agenzie: “Scelgo di restare in silenzio per non alimentare polemiche e parlerò solo dopo i ballottaggi”.
Video di David Perluigi, montaggio Paolo Dimalio