Angela Merkel rompe il silenzio ed annuncia l’appoggio della Germania alla nomina di Mario Draghi alla presidenza della Bce. In un’intervista al settimanale ‘Die Zeit’ il cancelliere lascia cadere ogni dubbio. “Conosco Mario Draghi – spiega – si tratta di una personalità interessante ed esperta, che è molto vicino alla nostra idea della cultura della stabilità e di una solida economia. La Germania potrebbe appoggiare una sua candidatura alla presidenza della Bce”.

E’ la prima volta che la cancelliera prende pubblicamente posizione in favore di Draghi, la cui nomina nel ruolo di successore del francese Jean-Claude Trichet, in scadenza il 31 ottobre, sembra ormai certa. Il governatore della Banca d’Italia era già in pole position per la nomina, dopo aver ricevuto il sostegno ufficiale della Francia, ma Berlino ha tardato a dare il proprio assenso. Merkel ha sperato a lungo di poter insediare sulla poltrona di Trichet l’ex presidente della Banca centrale tedesca, Axel Weber che però aveva declinato la candidatura. Il prossimo presidente della Banca centrale europea sarà ufficialmente designato in giugno dai capi di Stato e di governo dell’Eurozona.

Sul fronte italiano,  il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, durante la conferenza stampa di fine missione del Fondo monetario italiano (Fmi), ha dichiarato: “Mi sembra di aver già firmato un documento per il sostegno alla candidatura di Draghi ”. Successivamente il direttore generale del Tesoro, Vittorio Grilli, ha confermato che il ministro ha firmato un documento in favore del numero uno di Bankitalia.