Il “movimentismo” ha creato disaffezione nei confronti dei partiti. Ma il problema sono sempre gli uomini, le persone, non le strutture. Una buona dose di autoironia, dunque, per invitare a ridere e riflettere, ancora una volta.