“Tenuto conto dei pareri favorevoli espressi dalle Commissioni parlamentari, il Consiglio ha approvato il decreto legislativo recante disposizioni in materia di autonomia di entrata delle Regioni a statuto ordinario e delle province, nonchè di determinazione dei costi e dei fabbisogni standard nel settore sanitario”. Tradotto dal linguaggio del comunicato di Palazzo Chigi, il governo ha approvato il decreto legislativo sul federalismo fiscale.

Quello approvato oggi dal governo è il quinto decreto sul federalismo, abbastanza da strappare dichiarazioni di gioia al ministro Calderoli. “Evviva – ha commentato Calderoli –  da oggi il Federalismo diventa realtà. Questa riforma storica ed epocale, che trasforma un Paese centralista in uno federalista, si è concretizzata questa mattina, in Consiglio dei Ministri, dove è stato approvato definitivamente il quinto decreto legislativo attuativo del Federalismo fiscale, il decreto sul Federalismo di Regioni e Province, decreto che la settimana scorsa aveva ricevuto il parere favorevole delle competenti commissioni parlamentari”.

“Si tratta – prosegue un enfatico Calderoli – di una vera e propria rivoluzione copernicana, perché da oggi il cittadino saprà perché paga un tributo, a chi lo paga, dove vanno a finire i suoi soldi e per quale servizio vengono utilizzati e pertanto potrà giudicare con la massima trasparenza, secondo la regola: ‘Si paga per quel che fai, per quel che dai e non per quel che spendi’.