Due dichiarazioni formidabili di oggi confermano che siamo governati da ottimi politici, come sempre competenti, autorevoli e soprattutto di alto livello istituzionale e internazionale.

Prima formidabile dichiarazione: Bossi ha trovato la soluzione al problema degli sbarchi a Lampedusa: “Fora da i ball“. Poi ha detto che l’Europa deve interventire e ha aggiunto: “Si troverà una soluzione, se troviamo qualcuno con cui parlare“. Ho cercato su Google traduttore, ma non c’è ancora una versione per il lombardo. In attesa che venga al più presto attivata una sezione lombardo-inglese, il ministro inizi intanto a parlare in italiano. Forse è più facile trovare interlocutori a livello europeo.

Seconda formidabile dichiarazione: Formigoni dice che visto lo smacco internazionale della videoconferenza di ieri tra Usa, Gran Bretagna, Francia e Germania (che per di più non partecipa alle operazioni in Libia) alla quale l’Italia non è stata invitata, dovremmo “ritirare la disponibilità delle basi, peché se alcuni paesi ritengono di poter condurre le operazioni nel Mediterraneo da soli, senza coinvolgere a pienissimo titolo l’Italia, che è il paese mediterraneo per eccellenza, è bene che l’Italia ritiri le proprie basi“.

Magnifica soluzione. Così, dopo aver baciato le mani al dittatore e poi aver violato il trattato di non aggressione concedendo le basi alla Nato e poi aver fatto alzare in volo i nostri caccia e aver dichiarato che “non partecipiamo a una guerra ma evitiamo un conflitto” (questa altra geniale dichiarazione era di Frattini), confermiamo l’attendibilità massima della nostra classe politica, nel solco della politica estera voltaggabana italiana. E’ proprio perché ci conoscono bene, che non ci chiamano. A Formigoni il premio Badoglio.