Il presidente del Consiglio non partecipa in Parlamento al dibattito sull’intervento in Libia, lamentando di essere stato trascinato da Letta e Frattini. Napolitano loda Frattini con lettera personale. Anche la gestione del problema nucleare viene lasciata, fra stop and go, ai ministri Romani e Prestigiacomo. Qualunque proposta di Berlusconi su concessioni economiche viene immediatamente bloccata da Tremonti. Dopo l’annuncio da parte del Cavaliere della riforma epocale della giustizia e la promessa di presentarsi in tribunale, piovono, ad opera dei suoi giannizzeri, nuove leggi ad personam e richieste di rinvio dei processi. La Lega conduce la danza sul federalismo fiscale e sul problema profughi. Napolitano loda Maroni. Nel contempo la Svizzera va a caccia di italiani come donatori di seme. Le ipotesi sulla sparizione politica del Cavaliere.

Cucù, cucù, lo statista non c’è più!

C’è ancora un presidente del Consiglio?
Da tempo in Parlamento è ormai scomparso
e in sua vece intervien qualche famiglio.
Il suo apporto politico è ben scarso

e decisioni non ne prende più.
Letta e Frattini l’hanno trascinato,
per salvare le libiche tribù,
nella guerra al Gheddafi tanto amato.

Su Fukushima e il piano nucleare
Romani e Prestigiacomo han deciso
di non decidere, ma rimandare.
Quanto all’economia, fu assai conciso

Giulio Tremonti nel negar quattrini:
Non affrontare più questo argomento
poiché rischi di fare dei casini
e d’ esser sputtanato in un momento”.

Ai processi vorrebbe andar di corsa,
ma Paniz, Nicolò ed Angelino
lo tengono serrato nella morsa
di una guerra al pm birichino.

La Lega e Bossi ormai dettan l’agenda
sui profughi e sul federalismo,
sottoscrivendo ogni azione orrenda
verso la secessione ed il razzismo.

Anche Napolitano l’ha scordato
a Maroni facendo i complimenti
nonché a Franco Frattini…E’ dimostrato
che con gli anni svaniscono le menti.

Circa la sparizion del miserando
una coppia di ipotesi si afferma:
che stia dai Responsabili scappando
o stia in Svizzera per produrre sperma.