Franzelli tg1La primavera è ancora lontana e le previsioni del tempo del Tg di Uno sono come sempre accurate, precise e scientifiche: “Lunedì il maltempo non fa torto a nessuno, inizia una settimana bagnata un po’ per tutti”, ci avverte la meteorologa Carlotta Mannu.

A Milano è tempo di sfilate e Federica Balestrieri ci racconta di passerelle interattive. Pensate che si può intervenire alle sfilate per mezzo di una cosa strana che si chiama Internet e che una certa Giovanna è riuscita a scrivere su Facebook perfino in italiano: “Stefano sei sempre con il rullo in mano”. Scrivono su Facebook addirittura anche i giapponesi (come faranno?) e “piace molto la donna delle due anime, maschile e comoda di giorno, femminile e sexy di sera”, una donna molto Bunga Bunga.
La Balestrieri non si schioda da Milano e, il giorno successivo, firma un altro reportage sui tacchi a spillo (di media ne vediamo uno a settimana). Scarpe ed accessori non conoscono crisi: ma qual è il segreto per essere comode? La risposta è nelle zeppe: con il loro ausilio ci si può comodamente spingere fino a 15 cm dal suolo.

E’ martedì 1 marzo quando la Balestrieri chiosa “è proprio vero, basta un colpo di tacco per cambiare immagine ed umore e ogni donna lo sa”.

Il nuovo mese ci porta Manuela Lucchini e le allergie, “marzo è arrivato e ha portato quasi ovunque una bella pioggia”. Anche in città, però, è impossibile allontanarsi dalle piante, tra poco arriva il sole e (parte Loretta Goggi in sottofondo) con esso le allergie e “allora non resta che cantare maledetta primavera”.

Giovedì 3 marzo vede gli inviati della Rai rischiare la pelle, le pallottole fischiano in Libia e gli pneumatici in Inghilterra. Marco Franzelli, il capo della fabbrica delle minzocaramelle (la redazione società del Tg di Uno) se la spassa sgommando con Hamilton. Francesco Giorgino da Roma, barbetta incolta ed orologione di serie al polso, gli fa i complimenti per il grande coraggio da inviato dimostrato.

La settimana pop del Tg più divertente del mondo si conclude nel segno della medicina avanzata. Cosa è l’epatite C? Si può curare bene? Il Prof. Antonio Gasbarrini intervistato dalla Lucchini si mostra tranquillo: “Esistono tanti farmaci. Tanti ne abbiamo e tanti ne verranno”.

Ora diamo uno sguardo alle classifiche con Larry il gatto ratticida assassino che si piazza sul trono. Vanno forte le minzo-extensions e resistono nell’Olimpo della Minzoparade i vasetti griffati per i bimbi alla moda. Molto caliente il minzo caldo sulle allergie: non ci resta che cantare “maledetta primavera”.

Minzoparade Anno II N.9 (26 Febbraio-4 Marzo 2011, Tg di Uno ore 20)
1. (2) Il nuovo inquilino di Downing Street: Larry il gatto ratticida dall’istinto assassino (+1)
2. (1) L’extension è un trauma per il capello: extension sì ma con cautela (New Entry!) Guarda il servizio
3. (19) I vasetti per la pupù dei bimbi alla moda (-2)
4. (1) Attenti ai tacchi vertiginosi: arriva prima il callo o il dolore? (New Entry!)
5. (2) Palestra per la mente a Bologna: la bilancia astronomica e la bici cosmica (-1)
6.(10) Come difendersi dal freddo: copritevi e non uscite di notte (-1)
7.(2) Il momento magico dell’aceto: e’ indispensabile per sgrassare e profumare il salame (+3)
8.(3) Il mare d’inverno? E’ un bel piatto di spaghetti alle vongole ma anche una passeggiata romantica (-) Guarda il servizio
9.(3) Amore ti regalo un ritocco: chirurgia estetica e ingrandimento del seno al posto di rose rosse e cioccolatini (-6)
10.(1) Fantasmi nel palazzo del Vescovo di Livorno, arriva l’esorcista (New Entry!) Guarda il servizio

Minzi Caldi (in ordine cronologico)

– Il maltempo non fa torto a nessuno: inizia una settimana bagnata un po’ per tutti.
– La moda come un reality show: da casa Giovanna scrive “ Stefano sei sempre con il rullo in mano”.
– Il segreto per essere comode su tacchi vertiginosi: con le zeppe si puo’ arrivare a 15 cm.
– Arrivano le allergie: non resta che cantare “maledetta primavera”.
– Con Hamilton a 300 all’ora: complimenti per il coraggio a Marco Franzelli.
– Il “Pappagaga”: snowball (palla di neve), uno spettacolare cacatua che ha imparato a ballare con Lady Gaga.     http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-4a7efee9-cc6e-428a-8dab-cc98d9c27879.html#p=0
– L’epatite C si può curare: esistono tanti farmaci, tanti ne abbiamo e tanti ne verranno.

La Posta della Minzoparade
Il primo commento da segnalare è quello di Apolide: “il problema dei tacchi mi sembra una questione di importanza nazionale, a partire dalla più bassa delle alte cariche dello stato”.
ZepLed e Marzia 77 sono affascinate da Larry, il gatto ratticida assassino di Antonio Caprarica. ZepLed scrive: “Humphrey mi ha conquistata, anche perché la caccia alla topa è uno sport molto praticato ultimamente”.
Marzia77  vota Larry ma anche “i consigli su come difendersi dal freddo (in attesa che arrivino i consigli su come difendersi dal caldo!)”.

Tg di Uno Scuola Media Pilutzer
Menzionare, anzi “minzionare” il  sostantivo “prescrizione” al Tg di Uno è un po’ come parlare di corda in casa dell’impiccato. Do you recall David Mills? Era stato “assolto” dal Tg di Uno ed anche la maestra della Scuola Media Francesca Oliva aveva firmato a difesa della minzoassoluzione.
E’ la stessa maestra dello stesso cinogiornale che avvia la lezione di vero giornalismo con un evangelico (Matteo 26:52) qui praescriptio ferit, praescriptio perit, ossia “chi di prescrizione ferisce, di prescrizione perisce”.
La notizia del giorno (riciclata dal Giornale di Famiglia e da Prigioniero) è che la prescrizione è scattata (per l’imputato sbagliato) in una azione legale iniziata da Cesare Previti nei confronti di Marco Travaglio.
Quest’ultimo non solo è reo di essere uno sfegatato fan di Renato Zero (conosce a memoria perfino “Il Triangolo”, “Il Carrozzone” e “Viva la RAI”) ma  non conosce nemmeno l’istituto giuridico tardo-italico della “ borzata de’ sordi” e non sarebbe in grado di corrompere nemmeno un cancelliere con qualche marca da bollo.

La Scuola Media utilizza il capoclasse Filippo Facci per minzobacchettare quel discolo di un Travaglio che, con “Il Cielo” a palla nell’iPod, cade a terra nella sua stessa rete. Guarda il servizio

Questa è la lavagna dei  buoni e dei cattivi aggiornata al 4 Marzo 2011.
Il Giornale di Famiglia si è già guadagnato due minzocaramelle mentre tra i cattivi segnaliamo l’Unità e Il Fatto con ben tre minzobacchettate a testa (anzi a testata).

Buoni
Il Giornale (2)
Tg di Uno (1)
Libero (1)
Piero Ostellino (1)
Vittorio Emanuele di Savoia (1)
Clemente Mastella (1)
Filippo Facci (1)

Cattivi

Il Fatto Quotidiano (3)
L’Unità (3)
Il Secolo d’Italia (2)
La Repubblica (2)
Annozero (1)
La Stampa (1)
Il Corriere della Sera (1)
Tg3 (1)
I Giudici (1)
Agenzia Ansa (1)

Come ogni sabato, la parola ora torna al popolo della Minzoparade. Votate i due servizi pop che più vi hanno inforallegrato nello spazio per i commenti. Potete scriverci a minzoparade@gmail.com, siamo su Twitter (Minzoparade) e su Facebook.

Tra qualche settimana su Rai di Uno avremo il “dream team” giornalistico del Sultanato di Bunga Bunga, una squadra di professionisti che si esibirà in  un vero e proprio mundialito della libertà: Augusto Minzolini, Giuliano Ferrara, Vittorio Sgarbi e Bruno Vespa.

Le pagine più belle del giornalismo televisivo italico non sono state ancora scritte.

A cura di Ernesto Salvi