Gheddafi tripoli monsterIn questo momento terribile per la Libia mi brucia non poter far nulla per intervenire direttamente in difesa della gente che viene massacrata.

Per sedare la mia rabbia mi sono messo a pensare cosa potrei fare se fossi La Russa, che peraltro è mio cugino…

E mi sono detto: le rivolte del Maghreb hanno tratto grande forza dall’uso di Internet, e quel furbo di Gheddafi l’ha capito e ha tagliato le connessioni.

Ho chiesto ad amici arabi e mi hanno confermato che le comunicazioni da Tripoli sono difficoltosissime.

Allora mi sono chiesto: non si potrebbe dare la connessione agli abitanti di Tripoli?

Una cosa tipo wireless, Wi Fi, Wi Max, Vsat.

Allora ho telefonato a un’azienda specializzata e ho chiesto quanto mi costerebbe dare la connessione internet a 20.000 persone a Tripoli (i computer ce li hanno).

Mi han risposto che loro risolverebbero il problema via satellite. Ma bisognerebbe che chi si collega avesse una piccola parabola per prendere il segnale di Ispan Sat.

Costo dell’antenna 600 euro. Costo del collegamento con una banda da 400 megabit (che è tanto) 800 mila euro.

Però bisognerebbe anche lanciare almeno 200 mila parabole per la ricezione… Calcolando che non tutte finiranno nelle mani giuste.

Allora aggiungiamo 150 euro di imballaggio, paradute e trasporto (abbiamo l’aviazione militare, pensa che fortuna…). Nella confezione ci mettiamo anche un bel manuale disegnato con il codice individuale di connessione diverso per ogni parabola.

750 euro di totale…. X 20.000 parabole = 15 milioni di euro. Metti che con imprevisti e costi aggiuntivi arriviamo a 17 milioni di euro…

Che dici Ignazio… Se po’ fa?

E’ il costo di un elicottero…

In alternativa schieriamo la flotta appena fuori dalle acque territoriali libiche, piantiamo una piattaforma (il fondale è basso e il ripetitore deve stare fermo), e diamo a tutta Tripoli una copertura wireless tipo aeroporto di New York. Dubito che in questo momento Gheddafi abbia voglia di attaccare briga con noi. Gli manca solo di averci anche i nostri lagunari contro.