Vietato accedere a una supplenza nella scuola dal Sud al Nord. Così vorrebbe un codicillo del cosiddetto milleproroghe varato per ovviare alla sentenza della consulta sulle disposizioni in materia di reclutamento dei supplenti volute dal ministro Mariastella Gelmini. E guarda caso si tratta di un emendamento proposto dal senatore Pittoni, un leghista doc, lo stesso che è già stato autore di una proposta di legge che prevede l’assunzione dei docenti su base esclusivamente regionale. La lega, insomma, sta dettando legge anche in materia scolastica, e la Gelmini, più o meno consenziente, deve subire. Ma che dice questo emendamento? Lo spiega Pippo Frisone, uno dei maggiori esperti della Cgil scuola: “Fino al biennio 2009/11 i docenti precari son stati liberi di spostarsi nelle graduatorie d’istituto di prima fascia di una sola provincia, diversa da quella provinciale ad esaurimento. Adesso il divieto di cambiare provincia sarà totale, in attesa che siano varate le norme correlate alla nuova disciplina sul reclutamento, pubblicata proprio in questi giorni sulla Gazzetta Ufficiale. E’ un duro colpo all’attuale sistema nazionale di reclutamento ma soprattutto alla liberalizzazione delle graduatorie ad esaurimento volute dalla Consulta”. Un atto, insomma, destinato a bloccare la possibilità di avere un posto di lavoro sia pur precario per migliaia e migliaia di docenti che hanno titolo per insegnare, ma che hanno il solo torto di risiedere in una provincia diversa da quella dove c’è una cattedra vuota da coprire. “Ma il divieto di spostamento – continua a contestare Frisone – era già stato oggetto di censura perché in contrasto con l’art.51 della Costituzione e la normativa europea.

Tutti i cittadini possono accedere ai pubblici uffici in condizioni di uguaglianza, senza alcuna discriminazione territoriale. Ma ancora una volta è la Lega a dettare l’agenda di governo e la maggioranza è costretta ad adeguarsi. Si preferisce ancora una volta mandare segnali di propaganda al proprio elettorato che risolvere i problemi veri del precariato. Si profila così all’orizzonte un nuovo gigantesco contenzioso. Una ragione in più per riflettere e ritirare quell’ emendamento che oltre ad aggirare la sentenza della Corte, vanifica le attese di migliaia di precari”. Il decreto in questione come è noto è stato bloccato da Giorgio Napolitano. Dovrà essere riproposto e corretto. Ma anche nell’interesse dei precari?