Si avvicina anche quest’anno l’8 marzo, la Festa degli Uomini, istituita dal presidente Marina Berlusconi nel 2023, dopo che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato che nell’arco di 500 anni il sesso maschile scomparirà e ci saranno soltanto esseri umani di genere femminile.

Al centro della festa sarà come sempre il ramo di mimosa, regalato dalle donne agli uomini in segno di solidarietà ed empatia. Nonostante sulla carta la parità tra i due sessi sia da tempo garantita, molti uomini cosiderano le donne come animali da compagnia o personale di servizio. I più fragili e privi di autocontrollo si ostinano ad ammazzare, violentare, picchiare e compiere gli altri atti che li rendono il sesso debole. Genetisti e biologi non sanno spiegare questo mistero evolutivo.

Annamaria, una giovane impiegata, racconta con trasporto la sua esperienza diretta: “In ufficio capita che gli uomini si mettono a parlare di succhiac… e culi di marmo nel bel mezzo di una riunione. Allora io e le mie colleghe offriamo loro una mentina. E’ per dargli un supporto emotivo. Il problema è che tra mentine, chewing gum e saccottini mi va via una fortuna ogni mese.

La sua compagna di scrivania Caterina aggiunge: “I saccottini li regalo quando mi danno su con la voce o mi trattano come un animale impagliato. Addirittura una volta, per scherzare, un collega mi ha colpito con una bottiglietta d’acqua in testa durante un meeting. Quel giorno avevo soltanto un bastoncino di liquirizia e gliel’ho offerto per fargli capire che gli ero vicina, ma lui si è messo a ridere con gli occhi fuori dalle orbite”.

Laconico il commento di un loro collega, che ha scelto di rimanere anonimo: “Tra di noi non ne parliamo di queste cose, è un argomento tabù. Non ci interessa fare squadra con le femmine. Voglio bene a mia moglie, ma siamo pur sempre maschi, e a noi piace così”.

Secondo Humbert van Perfidiaar, antropologo dell’Università di Amsterdam, è il loro patrimonio genetico a rendere gli uomini irrispettosi e prevaricatori. Rimane però incomprensibile come mai se ne infischiano se il loro sesso sta andando in estinzione. Quando si ricordano che tra una decina di generazioni le donne si faranno i figli da sole reagiscono con sgomento, ma non fanno nulla per cambiare prospettiva.

Le loro compagne vanno avanti a offrire mentine e a regalare mimose l’8 marzo.