Il nostro è un incontro altamente politico, come tutte le volte in cui, nei casi straordinari della vita democratica, tacciono le differenze e le appartenenze particolari e parlano le ragioni che accomunano i nudi cittadini, interessati alle sorti non mie o tue, ma comuni a tutti“.

Così ha parlato Gustavo Zagrebelsky, presidente onorario di Libertà e Giustizia, alla manifestazione “Dimettiti” al Palasharp di Milano per chiedere le dimissioni di Silvio Berlusconi.

Il premier ha commentato: “Non bisogna prenderli sul serio“.

Il ministro Sandro Bondi ha invece detto: “Mi fanno paura“.

Almeno si mettano d’accordo: le parole di intellettuali e artisti fanno paura o non devono essere prese sul serio?