Spesso mi scopro a chiedermi se la legge sulla privacy agevoli i nostri figli o contribuisca a mitizzare la non conoscenza e amplifichi la sensazione di inadeguatezza e di incertezza che ci circonda. Le patologie spesso limitano le occasioni di relazione. Le famiglie molto frequentemente sono fisicamente provate dagli spostamenti condotti saltando gli ostacoli delle più assurde barriere.

Mi è capitato di partecipare a spettacoli teatrali, a corsi di danza in carrozzina e sono stata rapita dall’energia e dalle opportunità che mi hanno regalato. Il mio cuore, la mia testa, la mia anima erano davvero piccine e malconce rispetto a tanto valere e a tanto valore. Ragazzi che ci credono. Che escono allo scoperto. Che escono dal buio e si lanciano attraverso ogni singolo scivolo mancante nel mondo. Hanno il mio piccolo modesto appoggio. Coraggio, voglia di ridere e divertirsi, necessità di competere. Offro un piccolo spunto che vale la pena di essere letto, raccontato e magari anche copiato.

Costiera Amalfitana. Festa, armonia, ritmo, solidarietà. Sono alcuni temi legati a ogni mese dell’anno e che sintetizzano, in un accurato calendario, le attività del centro di socializzazione per disabili del comune di Amalfi. L’iniziativa è dei giovani portatori di handicap del paesino capofila della Costiera, che su iniziativa dell’Assessorato alle Politiche sociali hanno dato vita a un calendario corredato dalle immagini più significative di ciascuno di loro, scattate durante le attività pomeridiane o durante i momenti ludici. Gli undici ragazzi diversamente abili di Amalfi sono così i protagonisti di questo singolare progetto realizzato grazie all’impegno della coordinatrice, Anna Di Martino, e delle operatrici del centro Annalisa Buonsostegni, Annamaria Esposito, Maria Stella Pino e Assunta Savastano, che hanno supportato l’idea del consigliere delegato Alberto Alfieri.

Il calendario (le immagini sono di Massimo Scannapieco) in cui compaiono Alessandra, Andrea, Anna, Desiré, Franco, Gabriele, Luca, Marcello, Michele, Pietro e Stefania è stato presentato la scorsa sera nella sala teatro Ibsen di Amalfi nel corso di una manifestazione dedicata proprio ai ragazzi del centro diurno locale, grazie al quale vengono garantiti dal 2003 assistenza, integrazione e sostegno ai diversamente abili.

I protagonisti del calendario, il cui ricavato della vendita servirà a finanziare le attività del centro diurno, oltre a fornire una dimostrazione delle loro capacità attraverso la lavorazione della ceramica, la produzione di disegni e cortometraggi, hanno salutato il pubblico con un balletto dal tema Usciamo dall’ombra ed entriamo nel mondo.