Tra il 17 e il 23 gennaio il federalismo “deve passare”: su questo Umberto Bossi è tassativo. Dopo la cena degli ossi, questa mattina il senatùr è tornato a parlare da Calalzo (Belluno).  “In quel periodo – ha proseguito – c’è il problema che il federalismo deve passare l’ultimo decreto attuativo nella commissione bicamerale quindi se non passa quella cosa lì, non possiamo portare il federalismo in Consiglio dei Ministri. Io sono convinto che passi”. Quindi, a una domanda se ci sia un rischio per il governo riguardo alla mozione di sfiducia sul ministro Sandro Bondi, Bossi risponde: “Non penso, di rischioso c’è solo che la Lega punti i piedi, e basta. Ma noi non li puntiamo siamo amici di Berlusconi, l’importante è portare a casa il federalismo, presto”.