Mimmo Beneventano

Probabilmente, per fargli un’intervista, oggi sarebbe stato necessario andarlo a trovare al presidio di Terzigno. Sarebbe stato sicuramente lì a difendere il Vesuvio dalla discarica e dai clan. Se fosse ancora vivo.

Avrebbe partecipato a questa e a tante altre battaglie Mimmo Beneventano, medico e consigliere comunale del Partito comunista a Ottaviano, in quegli anni cuore dell’impero criminale di Raffaele Cutolo. Fu proprio il boss della Nuova camorra organizzata a ordinarne l’omicidio.

Il 7 novembre 2010 saranno passati esattamente trent’anni dalla sua morte.

Eppure anche in questa protesta c’è qualcosa del suo impegno. Cava Sari a Terzigno è infatti di proprietà degli eredi di Salvatore La Marca, sindaco di Ottaviano negli anni ’80 e braccio politico di Cutolo. È contro La Marca e la cupola camorrista, di cui il politico socialdemocratico faceva parte, che Mimmo Beneventano ha combattuto per anni, fino a quando fu ammazzato quel giorno di trent’anni fa alle 7 di mattina, mentre stavano andando a lavorare in ospedale.

Era stato eletto consigliere comunale nel 1975, con una valanga di preferenza. A Ottaviano Beneventano era un punto di riferimento. Insieme a Pasquale Cappuccio, consigliere del Psi ucciso dalla camorra nel 1978, denunciò le collusioni tra politica e camorra, il sistema di controllo criminale degli appalti pubblici.  Si opposero pubblicamente all’affidamento del servizio di nettezza urbana a una ditta del fratello di Raffele Cutolo.

Beneventano condusse una lotta senza paura contro tutti i tentativi di cementificazione del Vesuvio: dal campo da golf alle villette abusive. «Io lotto e mi ribello/Mi sono votato ad un suicidio sociale/ Non nella droga, come molti, troverò il rimedio per un mondo più giusto. Non parlo per me, son cosi poca cosa/ Grido per coloro che non han più voce perché l’han/ Persa urlando e piangendo/ O per quelli che hanno dimenticato di averla», scrisse in una delle sue poesie.

«In quegli anni a Ottaviano», spiega Isaia Sales, docente di Storia della criminalità mafiosa all’Università di Napoli e amico di Beneventano, «Cutolo aveva instaurato una vera e propria dittatura criminale. Ma anche se il boss pretendeva che non potesse esprimersi dissenso verso il modo in cui La Marca gestiva i loro affari, Mimmo aveva il coraggio di parlare nei consigli comunali e nei comizi».

La sorella Rosalba Beneventano insieme alla Fondazione Polis, che raggruppa i familiari delle vittime di mafie, si batte per tenerne vivo il ricordo: «Ho ancora in testa le grida di mia madre, che mi svegliarono mentre stavo a letto. Anche quando l’ho visto steso lì per strada sanguinante, pensavo che ce l’avrebbe fatta. Mio fratello era una roccia, una delle persone più carismatiche che io abbia conosciuto».

Giorgio Mottola

http://www.StrozzateciTutti.info