Venerdì prossimo prenderà il via “Prossima Fermata Italia”, la tre giorni organizzata a Firenze da Matteo Renzi, Pippo Civati e Debora Serracchiani. Dell’iniziativa non mi interessa il tratto polemico tutto interno al Pd che, detto con franchezza, riguarda loro e solo loro. Mi interessa, invece, l’affermazione di un principio di fondo che trovo pienamente condivisibile e non rinviabile: l’Italia è un paese di “inamovibili”, un paese dove chi arriva a detenere un ruolo di potere pubblico, vi rimane incollato per interi decenni. Sembra quasi un tratto culturale e fondativo della nostra società ed emerge in tutti i settori della vita pubblica. Dai baroni universitari ai politici ai gran commis di Stato, chi sale ai vertici tende a creare intorno a sé un sistema di “potere a vita” dove anche il successore viene scelto per cooptazione, quando non addirittura per scelte di tipo familistico.

Il problema è che una gestione delle funzioni pubbliche basata sulla inamovibilità ha riflessi enormi sulla vita pubblica, sulla qualità delle stesse funzioni esercitate  e sul livello etico complessivo del paese. Non è una questione anagrafica. Non si tratta di un generico o qualunquistico “largo ai giovani”. L’importante è che si affermi un principio che considero di “igiene sociale”, quello per il quale le funzioni pubbliche apicali sono temporanee e l’alternanza nelle responsabilità è una ricchezza democratica. Chi fa il parlamentare, il ministro, il capo di un partito piuttosto che il presidente del consiglio lo fa per un periodo limitato di tempo, dopodiché lascia il posto ad altri. Non amo la facile demagogia, ma nell’esercizio di una funzione pubblica non c’è niente di peggiore dell’identificazione tra una persona e la funzione stessa. Il ricambio della classe dirigente è un valore in sé, perché anche il migliore statista al mondo, nel tempo, diventa ostaggio della sua storia, delle scelte compiute, delle persone frequentate, che pesano sulle sue azioni come palle al piede e lo fanno comunque correre più lentamente di chi, magari, ha meno esperienza, ma è libero da condizionamenti. Spero che il treno della modernizzazione nel paese faccia tanta strada e che anche a Firenze, il prossimo week end, faccia una fermata importante.