Io di solito scrivo di cinema. Qualche volta divago tra calcio e piccole inutili storie quotidiane. Stavolta in maniera volutamente arida mi incazzo.

Con nota di protocollo N. 8511 del 08/09/2010 è pervenuta al Comune di Alessano, piccolo paese praticamente equidistante dai due mari che bagnano il Salento, un’istanza di autorizzazione alla installazione di un impianto trasmittente per la radiodiffusione sulla frequenza di trasmissione 89.700 Mhz. Il soggetto richiedente è Radio Padania Libera Società Cooperativa con sede in Monza , titolare di concessione ministeriale per l’esercizio della radiodiffusione sonora a carattere comunitario in ambito nazionale.

Occorre precisare che l’articolo 74 comma 2 della Legge 448/2001 (finanziaria 2001) approvata dal secondo Governo Berlusconi, stabilisce che “i soggetti titolari di concessione radiofonica comunitaria in ambito nazionale sono autorizzati ad attivare nuovi impianti, su base non interferenziale con altri legittimi utilizzatori dello spettro radioelettrico e nel rispetto delle normative vigenti in materia di emissioni elettromagnetiche, sino al raggiungimento della copertura di cui all’articolo 3, comma 5, della legge 31 luglio 1997, n. 249. Decorsi novanta giorni dalla comunicazione di attivazione degli impianti al Ministero delle Comunicazioni ed in mancanza di segnalazioni di interferenze, la frequenza utilizzata si intende autorizzata.” In virtù di questa norma , Radio Padania è autorizzata ad attivare nuovi impianti o ad acquisire impianti esistenti su tutto il territorio nazionale, in deroga ai regolamenti locali, con l’unico obbligo di non interferire con le frequenze già esistenti. Tutto questo è reso possibile perchè Radio Padania è considerata una “emittente di servizio”, senza finalità di lucro ed in quanto appartenente ad associazioni o fondazioni culturali, politiche o religiose, è classificata come “Comunitaria”, cioè non commerciale e utile alla comunità. La norma prevede inoltre che trascorsi novanta giorni dall’attivazione dei nuovi impianti senza che siano pervenute comunicazioni di interferenza da parte di altri gestori, le frequenze attivate si intendono autorizzate, diventano cioè di proprietà delle emittenti radiofoniche comunitarie. Si dà il caso che la frequenza 89.700 Mhz. nella zona interessata sia occupata dall’emittente RTL. Ma si dà anche il caso che RTL abbia deciso di non denunciare il fatto, lasciando via libera a Radio Padania.

Inoltre con maxi-emendamento collegato alla finanziaria 2005 al comma 213, il Governo stabilisce l’autorizzazione alla spesa di un milione di euro annui a decorrere dall’anno 2005 allo scopo di promuovere il potenziamento delle emittenti radiofoniche nazionali a carattere comunitario. L’accesso ai benefici è subordinato alla presentazione della relativa domanda entro il 31 gennaio di ogni anno. Siccome le radio comunitarie su tutto il territorio nazionale sono solo due, Radio Padania gode un contributo di 500.000 euro all’anno. Per la cronaca, l’altra radio comunitaria è Radio Maria.

Il Governo Berlusconi, che recentemente ha provveduto a tagliare 200.000 euro al Comune di Alessano, così come ad altri comuni italiani, concede però 500.000 euro all’anno a Radio Padania.

Punto e basta.