“Ha ragione Bossi. È facile parlare e più difficile agire. Bisogna ascoltarlo quando discetta sul valore dei proclami perché si tratta di un vero esperto in materia. Negli ultimi sedici anni ha costruito il successo della Lega sul lavoro di organizzazione del partito ma anche sulle provocazioni (e ultimamente su qualche gesto). Di fatti invece se ne sono visti ben pochi. Se non la corresponsabilità della Lega in questi sedici anni di non scelte che hanno portato il paese ad impoverirsi materialmente e civilmente”.

E’ un duro attacco alla Lega la risposta degli imprenditori di Italia Futura, l’associazione di Luca Montezemolo, a Umberto Bossi. “E’ facile parlare, molti parlano e pochi sanno cosa fare”, così ieri, il senatur aveva replicato alle critiche sull’azione di governo in materia economica di Emma Marcegaglia, presidente della Confindustria.

L’editoriale di Italia Futura, intitolato “I fatti di chi produce e le parole (e gli insulti) di chi ha fallito”, punta il dito sulle promesse mancate della classe dirigente leghista ai suoi elettori.

“Anche sul fronte delle rivendicazioni specifiche del suo elettorato Bossi ha combinato ben poco (guardare alle promesse sul federalismo per credere)”,  si legge nel sito. “Dubitiamo infatti che i suoi elettori l’abbiano mandato in Parlamento per difendere Cosentino o Brancher. Ha ragione Bossi: in Italia (e in particolare nella sua Padania immaginaria) la chiacchiera va per la maggiore e delle parole a vanvera di una classe politica screditata gli italiani ne hanno piene le tasche. In particolare quelli che lavorano e producono (e al convegno di Genova della Confindustria ce n’erano tanti). Quegli italiani che, a differenza di Bossi, tengono in piedi il paese con i fatti e non con le parole”.