Letizia Moratti ha sempre un sorriso sereno. Lo spegne soltanto quando finge contrizione per qualche lutto cittadino. L’importante è che il lutto sia rigorosamente bipartisan, perché la Letizia milanese ormai riesce a scontentare gli alleati anche per un funerale sbagliato. Letizia Moratti ha fantasticato su Expo come una buona mamma con i propri figli per farli addormentare. Così almeno fino a domani mattina si riesce a stare in casa un po’ tranquilli e farsi con calma i fatti suoi. Poi su Expo ha litigato un po’ con tutti: prima con i comitati (ma quelli, si sa, sono comunisti dell’ultim’ora), poi con il Presidente della Provincia di Milano (nomen omen Podestà), con il celeste Formigoni (che se non si parla di Asl o Ospedali rimane mediamente indifferente) fino ai proprietari dei terreni intorno a Milano (che la mala organizzazione di Expo ha trasformato nei veri latifondisti feudali della Milano da bere). Per chiudere in bellezza, dopo le centinaia di arresti dei mesi scorsi, ha anche negato di avere negato che la mafia non esiste: una bugiarda al cubo. Ma con il sorriso.

Letizia Moratti si è stracciata le vesti contro questa finanziaria (promossa dal suo Governo) che taglia le finanze dei comuni. Ha rilasciato interviste su sobrietà e crisi mentre sullo sfondo la festa sfavillante di Dolce e Gabbana trasformava per una notte il Palazzo Comunale in un bidet per pochi intimi. Ha parlato di moralità della sua Giunta mentre a pochi metri il suo consigliere Milko Pennisi girava con 5000 € corrotte in un pacchetto di sigarette come un Paperinik in salsa padana. Ha promosso la rivoluzione dell’Ecopass e adesso ci dice di aspettare con calma il giudizio dei nostri pronipoti nel 2070, perché la fretta è cattiva consigliera. Ha detto di voler essere vicina alle periferie e oggi, a fine mandato, ci confessa di frequentarle di notte camuffata (per non essere soffocata dall’abbraccio della folla). Strano a dirsi, in verità: di notte le periferie milanesi sono deserte e buie come il suo programma di governo. In compenso le latterie in via Padova tra poco dovranno chiudere alle 14, così ci sentiremo tutti più sicuri da questo latticini serali.

Oggi la Moratti ha deciso di assegnare ai rom 25 alloggi Aler. Quegli stessi rom che la sua Giunta sgombera preferibilmente di notte, in una giornata di pioggia, con meno sette gradi e se possibile con lo sciopero dei benzinai. Come i bambini sulla spiaggia che spostano la sabbia dal secchiello all’altro secchiello. Non serve a niente ma fa ridere e crea un po’ di polvere e movimento. Il ministro Maroni (che della Moratti dovrebbe essere alleato politico) dice che non spetta a lui metterci becco. Conferma comunque di essere poco d’accordo e dice che fatto lo sgombero non è più compito suo. Consigliata, eventualmente, la polverizzazione. Come sulla spiaggia. Il consigliere leghista Salvini (in forte ascesa per l’incredibile e irrefrenabile litanìa di cazzate consecutive) propone di sgomberarli, rimpatriarli, poi riportarli qui, metterli nelle case popolari per poi ricominciare da capo. Almeno riesce a stare in bella mostra sui giornali per i prossimi mesi.

Oggi Letizia Moratti è la ricandidata sindaca di Milano. Ha vinto le primarie del centro destra che si svolgono secondo un complicato percorso politico e meccanismo elettorale per cui chi manda per primo un sms a Re Silvio vince. Lei ha trovato libero e ha vinto.